Parco fluviale del Bidente

Martedì 13 luglio entra nel vivo l’estate santasofiese, con il primo, grande spettacolo: “Ci vuole orecchio”, in cui Elio canta e recita Enzo Jannacci, alle 21,00 al Parco Fluviale di Santa Sofia.
Enzo Jannacci, il poetastro come amava definirsi, è stato il cantautore più eccentrico e personale della storia della canzone italiana, in grado di intrecciare temi e stili apparentemente inconciliabili: allegria e tristezza, tragedia e farsa, gioia e malinconia. E ogni volta il suo sguardo, poetico e bizzarro, è riuscito a spiazzare, a stupire: popolare e anticonformista contemporaneamente.

Jannacci è anche l’artista che meglio di chiunque altro ha saputo raccontare la Milano delle periferie degli anni ‘60 e ‘70, trasfigurandola in una sorta di teatro dell’assurdo realissimo e toccante, dove agiscono miriadi di personaggi picareschi e borderline, ai confini del surreale. “Roba minima”, diceva Jannacci: barboni, tossici, prostitute coi calzett de seda, ma anche cani coi capelli o telegrafisti dal cuore urgente. Un Buster Keaton della canzone, nato dalle parti di Lambrate, che verrà rivisitato, reinterpretato e “ricantato” da Elio.

Sul palco, nella coloratissima scenografia di “Ci vuole orecchio” disegnata da Giorgio Gallione, troveremo assieme a Elio cinque musicisti, i suoi stravaganti compagni di viaggio, che formeranno un’insolita e bizzarra carovana sonora. A loro toccherà il compito di accompagnare lo scoppiettante confronto tra due saltimbanchi della musica alle prese con un repertorio umano e musicale sconfinato e irripetibile, arricchito da scritti e pensieri di compagni di strada, reali o ideali, di “schizzo” Jannacci. Da Beppe Viola a Cesare Zavattini, da Franco Loi a Michele Serra, da Umberto Eco a Fo o a Gadda.

Finalmente ripartiamo con gli eventi, e lo facciamo con un grande spettacolo – commenta l’assessora alla Cultura Isabel Guidi -. Per l’occasione, abbiamo anche scelto una nuova location, ovvero l’alveo del Bidente, proprio nel centro di Santa Sofia: quello del 13 luglio è il primo, importante evento e ci piace l’idea di tenerlo proprio nel cuore del paese. Ci aspetta, ora, un’estate ricca di appuntamenti con un calendario all’insegna del divertimento. D’altro canto, anche Jannacci diceva che chi non ride non è una persona seria”.
Per info e prenotazioni sui biglietti: 3499503847. Ingresso 20 euro, ridotto 18 euro per over 65 e under 18.