Fumettoteca-Giornata-Donatore-Sangue-2021

Il “World Blood Donor Day – Giornata Mondiale del Donatore di Sangue“, appuntamento internazionale, da anni vede la presenza degli eventi specifici e promossi dalla Fumettoteca Regionale Alessandro Callegati “Calle” per la manifestazione mondiale, offrendo agli interessati l’opportunità acquisire sensibilizzazione sul concetto della donazione ed eventuale riscontro il potenziamento della rete che garantisce le donazioni. Ecco, quindi, l’evento speciale dal titolo “Dante del Rosso Sangue – Tracce di sangue nella Commedia”, nel quale lo staff Fumettoteca, scendendo in campo con la propria professionalità e conoscenza, attiva una mostra esclusiva online, una esposizione consultabile in sede e nella considerazione delle norme sanitarie messe in atto per la prevenzione, una apertura pubblica straordinaria nel pomeriggio di lunedì 14 giugno, dalle 14,00 alle 18,00.

Presentare i fumetti danteschi, grazie al progetto FumettoDANTEca unico nel mondo, nelle varie situazioni che rimandano al sangue, è fattibile tenendo conto del fatto che tale termine ricorre complessivamente 47 volte nella “Divina Commedia”, 54 volte se si considerano le parole derivate, come nel caso de “il sanguinoso mucchio”, riferito proprio al massacro dei francesi compiuto in difesa da parte degli abitanti di Forlì. Una iniziativa, fuori da ogni linea associativa, per rappresentare un legittimo ringraziamento ai tantissimi donatori volontari che da generazione in generazione si sono susseguiti. “Sono del parere che la donazione di sangue sia un atto straordinario – afferma l’esperto fumettotecario Gianluca Umiliacchi donatore da oltre 40 anni – e per questo c’è bisogno di persone che facciano la propria parte, il Servizio Sanitario è presente per tutti, ma serve anche il contributo di tutti”. Precisando: “La donazione garantisce terapie salvavita a tutti i pazienti che ne hanno necessità, questa nostra esclusiva proposta può apparire solo una goccia in un immenso oceano ma, attenzione, è “quella goccia”!”.

In questo 2021, l’anno di Dante Alighieri lo si celebra come letterato, teorico della politica, esperto di linguistica e filosofo, ma anche un comunicatore della scienza e delle conoscenze mediche del suo tempo. Ecco perché numerosi sono i richiami al sangue, come figura retorica e come elemento anatomico di cui ne descrive l’origine. Dopo il rinvio dell’edizione 2020 a causa del Covid, il 14 e il 15 giugno l’Italia ospiterà a Roma l’evento globale del World Blood Donor Day, la giornata mondiale dedicata ai donatori di sangue istituita dall’Organizzazione Mondiale della Sanità, che quest’anno avrà come slogan ‘Give blood and keep the world beating”, su iniziativa del Ministero della Salute, del Centro Nazionale Sangue e delle principali Associazioni di donatori di sangue (Avis, Croce Rossa Italiana, Fidas e Frates), con la collaborazione di DonatoriNati, l’Associazione dei donatori della Polizia di Stato. La Giornata Mondiale del Donatore di Sangue è stata istituita nel 2005 dall’Organizzazione Mondiale della Sanità e si celebra in tutto il mondo il 14 giugno, giorno della nascita di Karl Landsteiner, scopritore dei gruppi sanguigni e co-scopritore del fattore Rh. Si tiene ogni anno per ringraziare i donatori volontari non remunerati e per far crescere nel mondo la consapevolezza dell’importanza che le donazioni siano effettuate con regolarità in modo da poter disporre sempre di sangue ed emocomponenti di qualità da utilizzare in ambito sanitario.

CONDIVIDI
Articolo precedenteLa visita guidata alla Pieve di Santa Reparata ha attirato più di 100 visitatori
Articolo successivoLa presentazione del libro “Abbasso Napoleone” alla Sala San Luigi
Esperto e attento ricercatore dei linguaggi giovanili, in particolare modo il linguaggio veicolato dalla produzione dell'editoria indipendente giovanile, con alle spalle studi di Tecnico Operatore Sociale è da oltre un decennio impegnato nella ricerca, studio e lavoro inerente alla produzione dell'editoria fanzinara nazionale. Filologo e storico delle fanzine italiane è autore di varie pubblicazioni e numerosi articoli, saggi, cronologie e bibliografie diffuse su periodici ufficiali ed amatoriali, riviste specializzate e webzine, un operato che testimonia il suo interesse per lo studio, la ricerca e la documentazione relativa all'universo, agli autori e alla produzione fanzinara. A questi prodotti amatoriali realizzati dal 1977 al 1997 ha dato alle stampe il primo, e finora unico, lavoro di catalogazione pubblicato in Italia. Coordinatore e organizzatore, nonché docente, di Workshop, Corsi, Seminari rivolti al mondo dell’editoria fanzinara italiana, svoltisi con successo in varie città, eventi che hanno sempre riscosso notevole interesse da parte dei partecipanti.