quercia-secolare-a-Villa-Rotta

Se è vero che la quercia simboleggia la forza, la longevità, la durezza ed è un albero di lunga vita che appartiene alla specie di piante più forti, quella presente in un’appezzamento di terreno di proprietà dell’Ausl Romagna, nella frazione Rotta del Comune di Forlì, ha tutte queste caratteristiche. Probabilmente ultracentenaria, la pianta svetta imponente vicino ad una casa contadina, disabitata da molto tempo, nell’angolo fra le vie Vincenzo Brasini e Cà Bagnoli, poco distante dalla chiesa parrocchiale di San Nicolò.

Qualche settimana fa il Comitato di Quartiere di Carpinello, Rotta e Castellaccio si è attivato per valorizzare la quercia in questione segnalando agli uffici competenti dell’Ausl Romagna che la pianta era totalmente invasa nel tronco e nei rami da rampicanti, in particolare edera, che a lungo termine avrebbero potuto indebolirla, rendendola vulnerabile ai parassiti, alle malattie e ad eventuali danni provocati dal vento, nonché provocare una scarsa crescita del fogliame.

I tecnici dell’Ausl hanno condiviso la richiesta e si sono attivati immediatamente per organizzare gli interventi previsti, da attuarsi in due fasi. Col primo intervento, già realizzato, l’edera è stata tagliata alla base del tronco della quercia e sono stati eliminati degli arbusti cresciuti sotto la chioma dell’albero. Il secondo lavoro, che verrà eseguito a settembre per evitare di danneggiare eventuali nidi, consisterà nell’asportazione dell’edera secca dai rami, nella potatura di rimonda lungo i fusti principali e nel contempo saranno controllate e curate eventuali carie.

Le attività più rilevanti, che richiedono l’uso di una piattaforma, saranno svolte da una ditta specializzata incaricata dalla proprietà, mentre parallelamente avrà inizio la collaborazione con il Comitato di quartiere per mantenere al meglio e nel tempo la bellissima quercia.
Nel corso del mese di giugno il Comitato di Quartiere ha intenzione di organizzare una camminata, che sarà guidata da Gabriele Zelli, nella zona di Rotta per far vedere e conoscere le piante centenarie che vegetano in zona e che si trovano raggruppate nell’arco di poche centinaia di metri; come due file di gelsi situati in altrettante aree private, così come un pioppo davanti al cimitero, oltre ovviamente alla quercia dell’Ausl.

Gabriele Zelli

CONDIVIDI
Articolo precedenteCon l’inserimento dei Musei San Domenico si arricchisce l’elenco dei beni comunali beneficiari delle donazioni dei privati
Articolo successivoAcri: «Il Comune fornisca pannelli per coprire le vetrine dei negozi sfitti"
Ex sindaco di Dovadola, classe 1953, dal 1978 al 1985 dipendente del Comune di Dovadola. Come volontario in ambito culturale è stato dal 1979 al 1985 responsabile della programmazione del Cinema Saffi e dell'Arena Eliseo di Forlì e dal 1981 al 1985. Coordinatore del Centro Cinema e Fotografia del Comune di Forlì. Nel giugno 1985 eletto Consigliere comunale e nell'ottobre 1985 nominato Assessore comunale di Forlì con deleghe alla cultura e allo sport. Da quell'anno ha ricoperto per 24 anni consecutivi il ruolo di amministratore dello stesso Comune assolvendo per tre mandati le funzioni di Assessore e per due a quella di Presidente del Consiglio comunale. Dirigente e socio di associazioni culturali, sociali e sportive presenti in città e nel comprensorio. Promotore di iniziative a scopo benefico. E' impegnato a valorizzare il patrimonio culturale, storico e artistico di Forlì e della Romagna. A tale scopo dal 1995 ha organizzato una media di oltre 80 appuntamenti annuali, promuovendo anche interventi di recupero del patrimonio architettonico di alcuni edifici importanti o delle loro parti di pregio. Autore di saggi e volumi, collabora con settimanali, riviste locali e romagnole. Dirigente dal 1998 di Legacoop di Forlì-Cesena in qualità di Responsabile del Settore Servizi. Nel 1997 è stato insignito dell'onorificenza di Cavaliere Ufficiale al Merito della Repubblica Italiana.

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO