festa dell'europa

«La solidarietà di produzione in tal modo realizzata farà si che una qualsiasi guerra tra la Francia e la Germania diventi non solo impensabile, ma materialmente impossibile». Il 9 maggio 1950 il Ministro degli Esteri francese Robert Schuman pronunciò la solenne dichiarazione che avrebbe dato il via al processo di integrazione europea. La solidarietà “di fatto” nei settori della produzione pesante di acciaio e carbone avrebbe infatti permesso ai Paesi del Vecchio continente di ricostruire dalle macerie dei conflitti mondiali un nuovo sistema internazionale che, proprio tramite una fitta rete di rapporti multilaterali, avrebbe reso qualsiasi guerra «non solo impensabile, ma materialmente impossibile.

Il Centro di Documentazione Europea Punto Europa, parte della Rete Europe Direct della Commissione europea e Centro di Eccellenza Jean Monnet per gli studi europei – Università di Bologna, Campus di Forlì, organizza per il 22° anno consecutivo la Festa dell’Europa a Forlì. Dopo vent’anni di iniziative organizzate nel Palazzo Comunale e nella piazza di Forlì, per il secondo anno consecutivo la festa si è trasferita online a causa delle limitazioni imposte dalla pandemia da Covid-19 e anche della rescissione della convenzione con il Punto Europa da parte dell’amministrazione comunale. La Festa dell’Europa sarà completamente fruibile in diretta streaming sui canali Facebook, YouTube e Twitter del Punto Europa.

Insieme agli studenti del corso di Laurea magistrale in Scienze Internazionali e Diplomatiche dell’Università di Bologna – Campus di Forlì, opportunamente formati per essere European Junior Expert, parteciperanno alla giornata di iniziative docenti universitari, alti funzionari delle istituzioni europee ed esperti provenienti dalla società civile che si alterneranno lunedì 10 maggio dalle ore 15,00 alle ore 22,30, sui canali social del Punto Europa di Forlì. Di seguito il calendario degli incontri:

Ore 15,00: Da Forlì all’Europa. Incontro con alcuni Alumni dell’Università di Bologna – Campus di Forlì che hanno intrapreso una carriera nelle istituzioni europee o in altre realtà Bruxellesi.

Ore 18,00: La paradiplomazia: il caso delle relazioni fra Europa e America Latina. La paradiplomazia, ovvero le azioni diplomatiche degli enti locali spiegata da Nahuel Oddone, esponente del Mercosur, il tentativo di integrazione più avanzato in America Latina e che comprende Argentina, Brasile, Paraguay, Uruguay e Venezuela.

Ore 21,00: Come immagino il futuro dell’Europa. Riflessioni sul futuro istituzionale e soprattutto culturale dell’Europa in vista della Conferenza sul futuro dell’Europa. Partecipano i docenti dell’Università di Bologna: Raffaella Baccolini, Federico Casolari, Giuliana Laschi, Michele Marchi, Alessandro Martelli. Nel corso della serata momenti musicali e culturali europei.