Paola Casara assessora Comune di Forlì

L’Amministrazione comunale di Forlì ha istituito un ulteriore Fondo, con una dotazione complessiva di euro 300.000, da destinarsi al ristoro delle attività prevalentemente commerciali e dei pubblici esercizi danneggiati dalle misure restrittive anti-Covid. L’avviso pubblico con tutta la documentazione necessaria per richiedere l’assegnazione del contributo in oggetto, è consultabile sul sito istituzionale del Comune di Forlì, nella sezione “Bandi, Avvisi, Gare, Concorsi” (http://www.comune.forli.fc.it/servizi/bandi/bandi_fase01.aspx ).

Siamo davvero soddisfatti di questo nuovo bando – commenta l’assessora alle attività produttive Paola Casaradopo un lungo percorso di condivisione con le associazioni di categoria e grazie all’instancabile lavoro dei nostri uffici, siamo riusciti a perfezionare la struttura e i criteri del precedente avviso, ampliando la platea dei potenziali beneficiare del contributo e andando ad intercettare nuove categorie di imprese che in precedenza erano state escluse. Come già è stato detto, si tratta di misure finanziarie a fondo perduto rese ancora più snelle nelle procedure e nei termini di inoltro della domanda, erogabili in tempi brevissimi a chi ha registrato un’evidente contrazione del fatturato a causa del Covid”.

Possono presentare richiesta di contributo le imprese aventi titolo d’esercizio rilasciato o verificato regolare dal SUAP di Forlì, con un volume d’affari ai fini IVA per l’anno 2019 inferiore ad euro 500.000 su base annua e che abbiano subito una riduzione del fatturato relativo al periodo che va dal 1 marzo 2020 al 28 febbraio 2021 pari almeno al venti per cento rispetto allo stesso periodo dell’anno d’esercizio precedente (1 marzo 2019 – 28 febbraio 2020). Le domande di ammissione al contributo, con gli eventuali relativi allegati, devono essere firmate ed inviate, senza pagamento dell’imposta di bollo, esclusivamente tramite posta elettronica certificata (PEC) all’indirizzo: comune.forli@pec.comune.forli.fc.it, e pervenire entro e non oltre il 25 maggio.