Faccio salti altissimi

0

Titolo: Faccio salti altissimi. Autore: Jacopo Melio. Genere: autobiografico.

Trama – È la storia di un ragazzo nato con una malattia genetica molto rara, la sindrome di Escobar. Dopo un attimo di smarrimento per i suoi genitori, giovanissimi, grazie alla determinazione della giovane madre che non si arrende a quella diagnosi e lo porta da diversi specialisti, durante questi viaggi Jacopo si rende conto che se vuole migliorare deve soprattutto contare su se stesso. Il padre invece rimane un po’ in disparte e aiuta solo economicamente.

A tutt’oggi Jacopo è un affermato giornalista di testate on-line. E cerca di fare “salti altissimi” come il titolo del libro e di aiutare altri disabili a farli. Ricordando ai giovani che una malattia per quanto grave non deve invalidarti come persona. Per questo i giovani sono spronati a mordere la vita vivendola pienamente senza farsi vincere dall’ignoranza.
Chiunque legge questo libro ha l’opportunità di conoscere la storia di un ragazzo ironico, simpatico, pieno di determinazione e un vero esempio di coraggio per chi è depresso.

Ne consigliamo la lettura a quelle persone che per ignoranza, nel senso di non conoscere, pensano che chi vive in carrozzina soffre di mancanza d’intelligenza. Anche se non si è bipedi si è comunque una persona.

Note sull’autore: Jacopo Melio nasce a S.Miniato nel 1992, dove vive nella campagna toscana a Cerreto Guidi. È laureato in Scienze politiche a Firenze. Grazie alla Onlus “Voglio prendere il treno” fondata nel 2015 è diventato un punto di riferimento nazionale per la disabilità. Politico, è Consigliere regionale della Toscana, lavora come giornalista freelance per diverse testate online. Nel 2016 ha pubblicato Parigi XXI.

Loretta e Giovanna

CONDIVIDI
Articolo precedenteImprese. SAIIE e Italbonifiche tra le eccellenze del territorio nel nome dell’innovazione
Articolo successivoGiacomo Santarelli, un architetto che ha lasciato a Forlì un segno della sua genialità
La comunicazione si conferma essere una funzione fondamentale nella vita di ogni essere umano e si può esprimere in diversi modi e forme di linguaggio. Un vettore di informazioni e comunicazioni è senza dubbio il web, con opportunità quali i blog o le pagine facebook in cui ognuno di noi può esporsi ed esporre all'esterno pensieri, opinioni o semplicemente commentare fatti avvenuti. Una RedAzione può aiutare a sviluppare o più semplicemente dare spazio a capacità e abilità di scrittura o fotografiche. Le modalità espressive varieranno in funzione dell'argomento, degli interessi o del destinatario dell'informazione, potranno essere: articoli, fumetti, vignette, critiche, interviste, video, foto e tutto quello che verrà in mente e che di volta in volta si riterrà più adatto. Il momento redazionale e di programmazione della redazione diventa uno dei modi con cui i ragazzi possono, oltre che ordinare e attribuire senso alle proprie esperienze, anche percepire attraverso relazioni sociali un possibile rapporto con gli altri, a sottolineare come l'individuo non dipenda solo dai propri sistemi di significato, ma anche dal suo rapporto con l'ambiente e con le persone con cui la sua vita si incrocia. L'idea è anche quella di far passare un messaggio chiaro all'esterno, la disabilità non parla solo di disabilità ma può aprirsi ed esprimersi su qualsiasi cosa faccia parte della vita: musica, sport e spettacolo sono solo alcuni degli argomenti che vorremmo trattare. Tutto questo avverrà in collaborazione con 4live, blog di informazione locale, gestito da Tommaso Di Lauro (giornalista iscritto all'albo).