Fumettoteca Callegati Dante

A distanza di 700 anni dalla morte di Dante Alighieri, nell’oscura selva della pandemia, ai numerosi eventi ideati per la celebrazione, non poteva mancare l’apporto della Fumettoteca Alessandro Callegati “Calle” di Forlì. A Dante sono state dedicate moltissime realizzazioni fumettistiche: vignette, strisce, storie intere, parodie o didattici. Ogni immagine, per quanto distante dall’opera originaria, è approfondimento, studio, iniziazione, innovazione, ripensamento e, in ogni caso, contiguità all’opera del sommo poeta.

Anche la Fumettoteca si accinge a celebrare, con i massimi onori, il poeta e l’esclusivo evento promosso con il significativo titolo “Il giro del Mondo Dantesco in 80 Fumetti!” ha l’ambizione di mostrare dal 1 al 30 aprile i moltissimi documenti fumettistici, italiani e internazionali, che sono stati ispirati a e da Dante. Legato al progetto “Nel mezzo del cammin del nostro fumetto mi ritrovai!”, la proposta ha selezionato e riunito 80 pubblicazioni realizzate in 14 nazioni. L’evento sarà arricchito da alcuni inediti con le suggestioni dantesche di Davide Fabbri. Per ulteriori informazioni 3393085390, fumettoteca@fanzineitaliane.it.

L’inconsueta iniziativa ha ricevuto i prestigiosi patrocini del Comitato Nazionale per la Celebrazione dei 700 anni dalla morte di Dante Alighieri Mibact, della Regione Emilia-Romagna e de Il Resto del Carlino. La locandina è stata realizzata dal giovane autore Massimiliano Bandini. Compatibilmente con le restrizioni dovute all’emergenza Covid, nella sede della Fumettoteca sarà possibile visitare lo spazio specificatamente allestito le moltissime pubblicazioni rintracciate, mentre online saranno consultabili a partire dal primo aprile la mappatura, la galleria con le pubblicazioni e il Video-Fumetto, senza scadenza. Si tratta di un primo, esiguo, censimento, assolutamente non esaustivo, di pubblicazioni edite nel mondo. La mappatura, virtuale e fisica, delle numerose edizioni sul tema dantesco è suddivisa per nazionalità e proporrà copertine e alcune pagine interne delle varie pubblicazioni. Il racconto del viaggio fumettistico per eccellenza prende vita da una nazione all’altra ed è suddiviso in quattro settori.

Il primo si concentra su Dante e la sua vita, il secondo ha come focus la Divina Commedia, il terzo prende in esame le parodie e il quarto è relativo alle trasposizioni. Rifacimenti con la presenza di Topolino, Paperino, Batman, X-Men, Fantastic Four, Star Trek, Martin Mystere, Dylan Dog, Cattivik, Lazarus Ledd, Geppo, solo alcuni dei tanti personaggi, che “accompagnano” Dante, in questo percorso fatto di immagini e colori, esperienze e ispirazioni dove vignette e balloon diventano il varco verso la dimensione onirica dell’atipico viaggio “Il giro del mondo dantesco in 80 fumetti!”.

Il lavoro di ricerca e di allestimento è stato possibile grazie allo sforzo congiunto dello staff operativo e di molti collaboratori della Fumettoteca oltre che dall’apporto di esperti nazionali come Nicola D’Agostino, Moreno Roncucci e Giuliano Gori e di corrispondenti esteri come Andreas Dölling dalla Germania, Gianni Simone dal Giappone e Gazy Andraus dal Brasile. Dalla sede fumettotecaria, proprio in Romagna, una delle terre dove il poeta ha trascorso la maggior parte della vita, prende avvio l’emblematico percorso fumettistico di Dante. Lo scrigno prezioso della nona arte, la Fumettoteca Regionale, unica in Emilia-Romagna e seconda in Italia, offre al grande pubblico un’occasione per riflettere su cosa significhi la presenza di un luogo specifico di cultura e socializzazione in grado di rendere possibile l’incontro fra generazioni.

CONDIVIDI
Articolo precedenteAl via i lavori sulla rete idrica a Santa Sofia
Articolo successivoEsportazioni del territorio Romagna: nel 2020 flessione dell'11%
Esperto e attento ricercatore dei linguaggi giovanili, in particolare modo il linguaggio veicolato dalla produzione dell'editoria indipendente giovanile, con alle spalle studi di Tecnico Operatore Sociale è da oltre un decennio impegnato nella ricerca, studio e lavoro inerente alla produzione dell'editoria fanzinara nazionale. Filologo e storico delle fanzine italiane è autore di varie pubblicazioni e numerosi articoli, saggi, cronologie e bibliografie diffuse su periodici ufficiali ed amatoriali, riviste specializzate e webzine, un operato che testimonia il suo interesse per lo studio, la ricerca e la documentazione relativa all'universo, agli autori e alla produzione fanzinara. A questi prodotti amatoriali realizzati dal 1977 al 1997 ha dato alle stampe il primo, e finora unico, lavoro di catalogazione pubblicato in Italia. Coordinatore e organizzatore, nonché docente, di Workshop, Corsi, Seminari rivolti al mondo dell’editoria fanzinara italiana, svoltisi con successo in varie città, eventi che hanno sempre riscosso notevole interesse da parte dei partecipanti.