Palazzo Varano Predappio

Sostegno psico-educativo e sociale dei minori e delle loro famiglie: questa è la finalità del progetto “P.E.N.C.E”, Patto educativo nella comunità educante “Buscar levante per la via di ponente 7” che ha preso il via con la prima riunione del comitato di Pilotaggio del 26 febbraio.

Il progetto è realizzato dall’Istituto Comprensivo Predappio in collaborazione con il Comune di Predappio, nel programma finalizzato al sostegno psico-educativo e sociale dei minori e delle loro famiglie, previsto dalle azioni distrettuali di contrasto alla povertà minorile, educativa e relazionale e del fenomeno del ritiro sociale di pre-adolescenti e adolescenti. Sono previsti interventi di promozione del benessere e della qualità della vita relazionale delle famiglie e dei minori, e sarà rafforzata la presenza della comunità educante in una prospettiva di rete territoriale che si riconosce all’interno del Patto educativo di Comunità.

Grande importanza ha infatti il coinvolgimento di tutte le figure che hanno un ruolo educativo e di sostegno nella comunità: non solo la scuola, ma anche l’Amministrazione comunale, le assistenti sociali e i referenti dell’Ausl territoriale per i servizi di età evolutiva, per fare capire che è tutta la comunità che si deve occupare delle famiglie e dei minori in difficoltà e perché nessuno venga lasciato solo nell’affrontare le difficoltà e le disparità che questa pandemia ha ulteriormente acuito.

Saranno realizzati, appena possibile, seminari informativi rivolti alle famiglie dei territori dell’Istituto Comprensivo tenuti da Gianni Tadolini su tematiche riguardanti l’adolescenza e il sostegno alla genitorialità. Saranno messe in atto azioni di rafforzamento della qualità pedagogica, interventi di orientamento educativo dei minori e delle famiglie.
Inoltre verranno attivati incontri di supervisione per gli insegnanti con la psicologa di riferimento della scuola, Elisa Rossetti, per poter fornire a loro ancora più strumenti per affrontare situazioni difficili all’interno delle classi.

Questo progetto rappresenta un primo passo molto importante – riferisce l’assessore al Welfare e ai servizi sociali Francesca Farolfiper dare un segnale di quanto sia indispensabile per l’Amministrazione comunale creare una rete di sostegno per le famiglie in difficoltà che consentirà di poter intervenire tempestivamente nelle situazioni critiche, per dare a tutti le stesse opportunità di crescita e sviluppo. E’ di basilare importanza creare una sempre più stretta collaborazione tra tutte le istituzioni del territorio per dare un senso di accoglienza e fare sentire tutti parte della comunità. Gli interventi che verranno messi in atto avranno lo scopo di non fare sentire nessuno da solo e di fornire alle famiglie tutti gli strumenti utili per superare le difficoltà educative, relazionali e sociali.”