Unieuro Forlì – OraSì Ravenna: 83-77

Unieuro Forlì: Roderick 30 (10/17, 2/4), Rush 12 (2/6, 2/4), Landi 9 (1/1, 1/2), Natali 8 (1/2, 2/3), Giachetti 8 (0/3, 1/4), Bruttini 6 (2/4, 0/1), Bolpin 5 (1/1, 0/1), Rodriguez 3 (0/3, 0/2), Dilas 2 (1/1), Campori, Babacar Ndour, Bandini n.e. All.: Dell’Agnello.
Tiri da due: 18/38 (47%). Tiri da tre: 8/21 (38%). Tiri liberi: 23/25 (92%). Rimbalzi: 33 (25+8). Assist: 11.
OraSì Ravenna: Givens 21 (8/15, 0/3), Simioni 18 (8/10, 0/3), Chiumenti 10 (3/3), Denegri 9 (0/1, 2/3), Rebec 8 (2/6, 1/5), Venuto 6 (0/1, 2/6), Oxilia 5 (1/4, 1/3), Maspero (0/3 da tre), Vavoli, Cinciarini n.e, Laghi n.e, Buscaroli n.e. All.: Cancellieri.
Tiri da due: 22/40 (40%). Tiri da tre: 6/26 (23%). Tiri liberi: 15/21 (71%). Rimbalzi: 41 (26+15). Assist: 15.
Parziali: 22-13, 18-20, 17-21, 26-23.
Arbitri: Maschio, Maffei, Longobucco.

Tredici vittorie in quattordici incontri. L’Unieuro vince un derby giocato con aggressività e determinazione in tutti e due i fronti, ma alla fine l’Unieuro porta a casa il tredicesimo successo. In avvio Ravenna prova un primo allungo che viene limitato da Landi e Roderick. Forlì trova il primo vantaggio (13-12). La difesa biancorossa è il cardine della gara: i biancorossi concedono l’ultimo canestro dal campo agli ospiti a metà del quarto, e infilano un parziale di 11-2 (22-13) a fine primo quarto.

L’Unieuro ricomincia con lo stesso vigore e con la tripla del rientrato Natali che è l’emblema del gioco di squadra e capitalizza una grande azione per il +14 (27-13). Il secondo quarto rimane abbastanza equilibrato nel suo parziale e, quando Ravenna torna a due possessi di distanza, i liberi di Landi e Roderick ridanno il +8 (35-27). L’Orasì prova a ricucire con due triple consecutive, ma i liberi di Landi valgono la chiusura del quarto sul +7 (40-33).

L’inizio del terzo quarto è simile all’avvio di gara, con Ravenna che trova il canestro con continuità, fino al pareggio (46-46). Il clima del derby sale di tensione e a questo punto emergono le qualità dei singoli. Rush segna una tripla e Roderick un “2+1” (52-46). Il match entra nel vivo e l’Unieuro propizia una serie di recuperi difensivi che portano alle giocate in post basso di Bruttini: alla terza sirena è +3 (57-54).

L’equilibrio regna sovrano come il canovaccio del derby vuole fino a quando viene spezzato dalle giocate della coppia americana biancorossa: Roderick e Rush infilano un parziale di 7-0 in un minuto e ridanno il +10 all’Unieuro. Ravenna non molla, Forlì un po’ si scompone, e così torna sotto e, quando si entra negli ultimi 3′, il parziale dice 75-73. L’Unieuro è solida e sfrutta ancora la classe dei suoi e la freddezza ai liberi di capitan Giachetti per segnare il solco decisivo, quello che vale la vittoria ed il successo nel derby. Il finale è 83-77.

Dell’Agnello a fine match: “Ravenna è una delle squadre più toste trovate finora. Noi abbiamo fatto più fatica del solito magari a proteggere l’area, complice anche le situazioni della gara che hanno visto i nostri lunghi fuori per falli. Abbiamo segnato 83 punti e, oltre a questo, ho visto tante altre cose buone durante i 40 minuti”.