PD e Forlì&Co.: “Sconcertante paralisi amministrativa del Comune di Forlì”

0

«Nella giornata di ieri ci è stato comunicato dalla Presidenza del Consiglio comunale il rinvio della seduta prevista per il prossimo lunedì 1° marzo, a causa dell’insufficiente numero di argomenti iscritti all’ordine del giorno» rendono noto i gruppi di minoranza del Partito Democratico e Forlì & Co.

«Se da un punto di vista organizzativo non possiamo che prendere atto del rinvio, esprimiamo tuttavia – continua la nota – il nostro sconcerto di fronte ad un episodio che dimostra l’assoluta paralisi amministrativa che il Comune di Forlì sta conoscendo da mesi a questa parte; sebbene sia infatti evidente che in città non mancano certo i temi su cui discutere, l’attività di governo latita. Né, del resto, sono stati sciolti i nodi su grandi questioni come il piano della mobilità, quello il rilancio del centro storico e le iniziative necessarie per incoraggiare e accompagnare la transizione ecologica, su cui pure avevamo chiesto all’inizio del mandato che si aprisse ad un lavoro serio e tempestivo».

«In sostanza, da oltre due mesi, concluso l’iter di approvazione del bilancio, la maggioranza in Consiglio Comunale si mostra priva di idee, progetti e proposte per la città. Dopo ben quattro sedute del Consiglio riservate a poche delibere di ordinaria amministrazione, l’odierno rinvio dimostra tutta la debolezza propositiva della Giunta e della maggioranza, molto attenta a riempire questo vuoto con roboanti comunicati» insiste il centrosinistra.

«Da parte nostra, nelle ultime settimane abbiamo cercato di ovviare a questo stallo con un impegno di opposizione costruttiva e propositiva, avanzando diverse mozioni su temi come il sostegno ai gestori degli impianti sportivi e la riformulazione delle aliquote IMU, e sollecitando il confronto sulle scelte per la ridefinizione del sistema di welfare e il rilancio economico, non dimenticando le questioni del centro su cui avevamo avanzato una precisa mozione a novembre 2019. Purtroppo abbiamo trovato scarsa disponibilità al dialogo e resistenze pregiudiziali. Una città come Forlì ha bisogno di scelte concrete e di politiche di governo lungimiranti, non di paralisi e immobilismo: i più importanti progetti sin qui condotti sono tutti riferiti alle precedenti amministrazioni di centrosinistra. Chiediamo quindi all’Amministrazione di scuotersi dal torpore e aprire un serio confronto sui problemi dei cittadini, mai come oggi impellenti e complessi da risolvere» concludono i rappresentanti Dem e Forlì&Co.