La rosa bianca di Sophie

0

Titolo: La rosa bianca di Sophie. Autore: Giuseppe Assandri. Genere: Romanzo storico.

Trama – La storia è ambientata in Germania dove una ragazza, Sophie (che se fosse viva oggi avrebbe 100 anni), racconta la sua esperienza di giovane ragazza che vive alla nascita del partito nazista. Rispetto ad altri testi che parlano del nazismo, in questo libro si vede l’argomento sotto un altro punto di vista. Quello di una giovane ragazza affascinata dalla propaganda nazista che incita alla vittoria e alla partecipazione ai vari movimenti giovanili con grande entusiasmo, come del resto sperava Hitler per fare uscire la Germania da una situazione difficile dopo la sconfitta della prima guerra mondiale. Però questo entusiasmo si spegne subito, quando insieme ad un gruppo di amici, si rendono conto delle incongruenze della propaganda nazista. Così, insieme, decidono di creare un’associazione segreta per svegliare la coscienza dei tedeschi sui reali bisogni del Paese. Alla fine vengono scoperti e processati come sovversivi e quindi condannati a morte. Ma proprio questa grossa ingiustizia fa sì che i loro ideali attraverso i diari da loro scritti, vengano alla luce e finalmente presi in considerazione, così che la loro morte non sia stata vana.

È la bella storia di un gruppo giovanile degli anni ’30 che tenta di portare avanti ad ogni costo i propri valori di libertà e di voglia di vivere, nonostante il periodo storico in cui si trova a vivere.

Lo consigliamo a tutti quei giovani che desiderano conoscere un determinato periodo storico da una prospettiva più completa e obiettiva. A maggior ragione in questi giorni di ricorrenza della Giornata mondiale della Memoria del 27 gennaio.

Note sull’autore – Giuseppe Assandri, nato ad Acqui in provincia di Alessandria, è laureato in filosofia all’Università di Genova. Ha lavorato come insegnante e dirigente scolastico e formatore in Italia e all’estero. Si occupa di educazione alla lettura ed è coatuore di varie antologie per ragazzi.

Loretta e Giovanna

CONDIVIDI
Articolo precedenteNovità per il settore del gioco online e della tecnologia digitale
Articolo successivoLa piantumazione dell’albero della memoria e della pace nel Giorno della Memoria
La comunicazione si conferma essere una funzione fondamentale nella vita di ogni essere umano e si può esprimere in diversi modi e forme di linguaggio. Un vettore di informazioni e comunicazioni è senza dubbio il web, con opportunità quali i blog o le pagine facebook in cui ognuno di noi può esporsi ed esporre all'esterno pensieri, opinioni o semplicemente commentare fatti avvenuti. Una RedAzione può aiutare a sviluppare o più semplicemente dare spazio a capacità e abilità di scrittura o fotografiche. Le modalità espressive varieranno in funzione dell'argomento, degli interessi o del destinatario dell'informazione, potranno essere: articoli, fumetti, vignette, critiche, interviste, video, foto e tutto quello che verrà in mente e che di volta in volta si riterrà più adatto. Il momento redazionale e di programmazione della redazione diventa uno dei modi con cui i ragazzi possono, oltre che ordinare e attribuire senso alle proprie esperienze, anche percepire attraverso relazioni sociali un possibile rapporto con gli altri, a sottolineare come l'individuo non dipenda solo dai propri sistemi di significato, ma anche dal suo rapporto con l'ambiente e con le persone con cui la sua vita si incrocia. L'idea è anche quella di far passare un messaggio chiaro all'esterno, la disabilità non parla solo di disabilità ma può aprirsi ed esprimersi su qualsiasi cosa faccia parte della vita: musica, sport e spettacolo sono solo alcuni degli argomenti che vorremmo trattare. Tutto questo avverrà in collaborazione con 4live, blog di informazione locale, gestito da Tommaso Di Lauro (giornalista iscritto all'albo).