Fumettoteca-Alessandro-Callegati-Calle-Inaugurazione

La regionale Fumettoteca Alessandro Callegati “Calle” prosegue, in questo suo terzo anno di attività, con proposte esclusive ed innovative per tutta la città di Forlì. Non va dimenticato che si tratta dell’unica Fumettoteca presente in Regione Emilia Romagna e che è la seconda sul territorio italiano, questi riscontri positivi vedono anche, grazie alla donazione del “Fondo Alessio Legramante” e le molteplici donazioni in kind, presente in sede oltre 40.000 documenti, un parco fumettistico da proporre al pubblico ampliato sei volte tanto dalla inaugurazione.

L’anno passato, con gli obblighi delle norme per il contrasto Covid-19, può vantare un risultato ottimale di attività fumettotecaria; i numeri sono ben definiti, oltre al grande quantitativo di documentazione, il grande impegno dello staff Fumettoteca ha visto negli austeri spazi della “Biblioteca dei Fumetti” presentare un’offerta ai cittadini forlivesi, e non solo, sempre più articolata e forte di una professionalità concreta, attuata e gestita in veste di volontariato da semplici appassionati ed esperti del settore. Senza dubbio un valore aggiunto per Forlì, per la cultura locale e anche per lo stimolo professionale giovanile; il 35% dei giovani frequentatori negli anni si sono inseriti nelle attività professionali fumettistiche.

Questa unicità di intenti ha numeri in grado di chiarire come l’esclusiva organizzazione suscita coinvolgimento e soddisfazione, a partire dall’aumento di partecipazione per iniziative, eventi e attività fumettotecarie, ottimi anche i riscontri nei prestiti. Al termine del 2020 si possono contare 1.778 “Eventi Generali” con 55.441 “Partecipazioni” di presenze del pubblico di persona e online, il tutto supportato da più di 100 donazioni provenienti da tutta Italia e anche dall’estero. Inoltre, per il 2021 la Fumettoteca Alessandro Callegati “Calle” ha ricevuto dal Comitato Nazionale per la Celebrazione dei 700 anni dalla morte di Dante Alighieri, Mibac Ministero dei Beni e Attività Culturali, il comunicato che il progetto proposto dalla stessa è stato valutato positivamente ricevendo la concessione del Patrocinio, un riconoscimento che solo un’altra realtà lo ha ricevuto a Forlì: i Musei San Domenico. L’innovativa ed esclusiva proposta legata al mondo dantesco, unica a livello nazionale, sarà ovviamente fatta presente anche all’Amministrazione locale, nel caso vi siano da parte degli uffici preposti l’interesse di una eventuale partecipazione collaborativa.

CONDIVIDI
Articolo precedenteConfcooperative: “Poche risorse per le cure primarie da regione, governo e recovery plan"
Articolo successivoConfartigianato: «Il previsto ristoro per il trasporto scolastico è una nostra vittoria»
Esperto e attento ricercatore dei linguaggi giovanili, in particolare modo il linguaggio veicolato dalla produzione dell'editoria indipendente giovanile, con alle spalle studi di Tecnico Operatore Sociale è da oltre un decennio impegnato nella ricerca, studio e lavoro inerente alla produzione dell'editoria fanzinara nazionale. Filologo e storico delle fanzine italiane è autore di varie pubblicazioni e numerosi articoli, saggi, cronologie e bibliografie diffuse su periodici ufficiali ed amatoriali, riviste specializzate e webzine, un operato che testimonia il suo interesse per lo studio, la ricerca e la documentazione relativa all'universo, agli autori e alla produzione fanzinara. A questi prodotti amatoriali realizzati dal 1977 al 1997 ha dato alle stampe il primo, e finora unico, lavoro di catalogazione pubblicato in Italia. Coordinatore e organizzatore, nonché docente, di Workshop, Corsi, Seminari rivolti al mondo dell’editoria fanzinara italiana, svoltisi con successo in varie città, eventi che hanno sempre riscosso notevole interesse da parte dei partecipanti.