Lions Club Forlì Host dona le nuove attrezzature alla mensa di Santa Maria del Fiore

Anche i giovani soci del Lions Club Forlì si sono resi partecipi di un gesto di solidarietà durante le recenti festività donando settantadue pandorini alla mensa dei poveri di Santa Maria del Fiore. Invece di organizzarne la vendita per ricavare fondi da destinare comunque a iniziative benefiche si è pensato in questo modo di far fronte, ovviamente in base alle proprie disponibilità, all’esigenza primaria di prodotti alimentari che hanno costantemente i luoghi dove si cerca di dare un pasto caldo a un numero crescente di persone in difficoltà consegnando in questo caso quanto si aveva a disposizione.

La struttura caritativa di via Ravegnana 92 a Forlì, ogni giorno fornisce gratuitamente il pranzo mediamente a 70 persone p e dal 2008 è gestita dall’Associazione San Francesco. Fu in quell’anno che, la parrocchia di Santa Maria del Fiore retta dai frati Cappuccini, rappresentati da padre Vittorio Ottaviani volle mettere ordine alla realtà fondata nel 1983 dall’indimenticato padre Lazzaro Corazzi. Fu così che la conduzione della struttura fu assunta formalmente dal sodalizio appositamente costituito che continua a farlo con grande impegno e molti sacrifici ancora oggi.

Alla fine del 2019 il Lions Club Forlì Host (nella foto) ha donato alla stessa mensa una cucina a gas con sei fuochi con relativo forno e altre apparecchiature come: una friggitrice, un cuocipasta con vasca da 40 litri, un cestello cuoci pasta, un armadio inox chiuso con porte scorrevoli porta utensili per la cucina e un frigorifero.

CONDIVIDI
Articolo precedenteProsegue il service del Lions Club Forlì Host "La valigia di Caterina"
Articolo successivoI "Gilet gialli ecologici” concludono l’anno nella lotta contro i graffiti e l’abbandono di rifiuti
Ex sindaco di Dovadola, classe 1953, dal 1978 al 1985 dipendente del Comune di Dovadola. Come volontario in ambito culturale è stato dal 1979 al 1985 responsabile della programmazione del Cinema Saffi e dell'Arena Eliseo di Forlì e dal 1981 al 1985. Coordinatore del Centro Cinema e Fotografia del Comune di Forlì. Nel giugno 1985 eletto Consigliere comunale e nell'ottobre 1985 nominato Assessore comunale di Forlì con deleghe alla cultura e allo sport. Da quell'anno ha ricoperto per 24 anni consecutivi il ruolo di amministratore dello stesso Comune assolvendo per tre mandati le funzioni di Assessore e per due a quella di Presidente del Consiglio comunale. Dirigente e socio di associazioni culturali, sociali e sportive presenti in città e nel comprensorio. Promotore di iniziative a scopo benefico. E' impegnato a valorizzare il patrimonio culturale, storico e artistico di Forlì e della Romagna. A tale scopo dal 1995 ha organizzato una media di oltre 80 appuntamenti annuali, promuovendo anche interventi di recupero del patrimonio architettonico di alcuni edifici importanti o delle loro parti di pregio. Autore di saggi e volumi, collabora con settimanali, riviste locali e romagnole. Dirigente dal 1998 di Legacoop di Forlì-Cesena in qualità di Responsabile del Settore Servizi. Nel 1997 è stato insignito dell'onorificenza di Cavaliere Ufficiale al Merito della Repubblica Italiana.