Fumettoteca-Fondo-Alessio-Legramante-2020

Domenica 17 gennaio vede la nona edizione della “Giornata nazionale del dialetto e delle lingue locali”, istituita dall’Unione Nazionale delle Pro Loco, attivarsi per sensibilizzare istituzioni e comunità locali sull’importanza di tutelare questi patrimoni socio-culturali. Alla Fumettoteca Alessandro Callegati “Calle” di via Curiel 51 a Forlì, la manifestazione nazionale si ripresenta, come ogni anno, colma di tutti i suoi valori sociali, forte dell’importanza delle radici territoriali. Per tale motivo lo Staff Fumettoteca, con una costante attenzione per la tutela e la diffusione del dialetto, attua l’avvio dell’iniziativa intitolata “Da Topolino al Dialetto”, una esposizione online dove si mostra e rappresenta come il famoso periodico della Disney è sempre stato, fin dagli anni ’60, ben disposto nel far parlare i suoi paperi e topi con i vari dialetti nazionali.

Si tratta di una iniziativa legata al percorso del progetto consolidato, giunto alla sua nona edizione, “È fumet ad Rumagna”, oggi più che mai ogni piccolo gesto è importante e può riscontrare una forte valenza sociale e culturale. Una edizione, questa, che ovviamente sarà particolare viste le circostanze che tutti noi stiamo vivendo con la pandemia ancora in atto, portando a promuove virtualmente, dal 17 al 24 gennaio, all’attenzione del grande pubblico una mostra espositiva consultabile online sul sito ufficiale.

“E’ Fumett ad Rumagna” è un impegno socio-culturale rivolto all’attenzione della “lingua dei padri” per riproporla adeguatamente in modo che anche i “figli” siano ancora in grado di poterla comprendere e parlare. Un evento rivolto alla “lingua madre”, innovativa proposta col fine di salvaguardare e valorizzare il patrimonio culturale dialettale ma, soprattutto, con l’uso del medium fumettistico attivare la riscoperta linguistica del nostro territorio romagnolo grazie alle tante affinità che si possono riscontrare tra il dialetto e la nona arte. Nella sede fumettotecaria il dialetto trova una propria vitalità, per donare l’occasione di constatare come i fumetti possono e devono convivere col romagnolo, nella nostra Romagna, un invito per tutti a riscoprire, grazie ai dialetti, il cuore delle nostre tradizioni culturali. Un invito ai cittadini forlivesi a ricercare e ritrovare una sintonia con le proprie tradizioni linguistiche culturali, dialettali, che radicano la persona al territorio e ne modellano l’identità quale membro di una comunità.

CONDIVIDI
Articolo precedenteMelandri: "Al via l'operazione sullo stato di salute dei beni culturali delle collezioni civiche forlivesi"
Articolo successivoLa primaria Manzoni diventa una scuola college
Esperto e attento ricercatore dei linguaggi giovanili, in particolare modo il linguaggio veicolato dalla produzione dell'editoria indipendente giovanile, con alle spalle studi di Tecnico Operatore Sociale è da oltre un decennio impegnato nella ricerca, studio e lavoro inerente alla produzione dell'editoria fanzinara nazionale. Filologo e storico delle fanzine italiane è autore di varie pubblicazioni e numerosi articoli, saggi, cronologie e bibliografie diffuse su periodici ufficiali ed amatoriali, riviste specializzate e webzine, un operato che testimonia il suo interesse per lo studio, la ricerca e la documentazione relativa all'universo, agli autori e alla produzione fanzinara. A questi prodotti amatoriali realizzati dal 1977 al 1997 ha dato alle stampe il primo, e finora unico, lavoro di catalogazione pubblicato in Italia. Coordinatore e organizzatore, nonché docente, di Workshop, Corsi, Seminari rivolti al mondo dell’editoria fanzinara italiana, svoltisi con successo in varie città, eventi che hanno sempre riscosso notevole interesse da parte dei partecipanti.