Giornali-edicola

Ancora un grave episodio che ha come vittima un giornalista. La forlivese Vanna Ugolini, responsabile della redazione de Il Messaggero di Terni, è stata minacciata di morte in relazione ad una notizia, sia web che cartacea, riferita alla morte di un giovane avvenuta in una località della provincia di Terni. Le gravi minacce sono state inviate alla redazione e personalmente alla sua responsabile.

Comportamento che ha indotto i carabinieri a mettere sotto sorveglianza l’abitazione della giornalista. Preoccupa il fatto singolo, ma, in generale, la continua crescita dell’imbarbarimento sociale. Nell’ordinamento giuridico esistono modi e forme per contestare quanto sostenuto in un servizio giornalistico. Ma la minaccia non è contemplata e non può essere giustificata. È un reato penale tanto più grave perché punta anche a limitare la libertà di espressione del giornalista e, quindi, il diritto di cronaca, valore di indiscutibile importanza.
Alla redazione de “Il Messaggero” e alla collega Vanna Ugolini la solidarietà del Direttivo dell’Associazione Stampa Forlì Cesena e di 4live.