premio-in-memoria-di-Francesca-Girolimetto

Nei giorni scorsi la scuola secondaria di primo grado “Marco Palmezzano” di Forlì ha tenuto, in modalità videoconferenza, la premiazione dei giochi matematici svolti venerdì 18 dicembre 2020, dedicati alla memoria di Francesca Girolimetto, l’indimenticabile professoressa, prematuramente scomparsa il 1° dicembre 2019.

Molto sentito e commosso il ricordo tracciato dalla dirigente Annalisa Fiorini: “Francesca era una docente di matematica e scienze innamorata del proprio lavoro che, per anni, ha accompagnato la crescita non solo degli studenti a lei affidati, ma di tutti i ragazzi della scuola. Era la prof di tutti. La scuola ha intenzione di dedicarle uno spazio rappresentativo che rechi il suo nome”.

Francesca Girolimetto è stata promotrice di avvincenti iniziative e aveva coinvolto le colleghe di matematica nella realizzazione di vari concorsi: i Rally matematici transalpini in collaborazione con l’Università di Parma, il Kangaroo e i Giochi d’autunno con l’Università Bocconi di Milano. Come ha spiegato la professoressa Raffaella Ruffilli, coordinatrice dell’iniziativa: “Si è scelto di creare un’attività che rispecchiasse l’animo della nostra collega, quindi scientifica e inclusiva. Sono nati così i giochi matematici dedicati a tutte le classi terze”. Nell’elaborazione delle prove sono state coinvolte anche le storiche colleghe di matematica della scuola, Fiorella Focacci e Daniela Lonzardi, a testimonianza della continuità tra docenti e del forte legame tra i colleghi.

I vincitori sono stati così premiati: primo posto (un personal computer) a Greta Campanini di 3°B, secondo e terzo posto (un tablet) rispettivamente a Lorenzo De Carlo sempre di 3°B e ad Andrea Franco di 3°A. I premi, devoluti a scopo didattico, sono stati gentilmente donati dai docenti, dal personale scolastico dell’istituto e dalla famiglia della Prof. Giro, come veniva amorevolmente chiamata dai suoi ragazzi. Presente all’incontro Fabrizio Ceccarelli, marito di Francesca, il quale ha ricordato quanto la moglie lo coinvolgesse nella vita della scuola, che, per lei, non era solo una professione, ma una vera e propria missione.

CONDIVIDI
Articolo precedenteL'immunologo di fama mondiale Alberto Mantovani al Collegio di Direzione dell'Ausl Romagna
Articolo successivoCoronavirus 9 gennaio: quattro decessi in provincia e 54 nuovi contagi nel Forlivese
Ex sindaco di Dovadola, classe 1953, dal 1978 al 1985 dipendente del Comune di Dovadola. Come volontario in ambito culturale è stato dal 1979 al 1985 responsabile della programmazione del Cinema Saffi e dell'Arena Eliseo di Forlì e dal 1981 al 1985. Coordinatore del Centro Cinema e Fotografia del Comune di Forlì. Nel giugno 1985 eletto Consigliere comunale e nell'ottobre 1985 nominato Assessore comunale di Forlì con deleghe alla cultura e allo sport. Da quell'anno ha ricoperto per 24 anni consecutivi il ruolo di amministratore dello stesso Comune assolvendo per tre mandati le funzioni di Assessore e per due a quella di Presidente del Consiglio comunale. Dirigente e socio di associazioni culturali, sociali e sportive presenti in città e nel comprensorio. Promotore di iniziative a scopo benefico. E' impegnato a valorizzare il patrimonio culturale, storico e artistico di Forlì e della Romagna. A tale scopo dal 1995 ha organizzato una media di oltre 80 appuntamenti annuali, promuovendo anche interventi di recupero del patrimonio architettonico di alcuni edifici importanti o delle loro parti di pregio. Autore di saggi e volumi, collabora con settimanali, riviste locali e romagnole. Dirigente dal 1998 di Legacoop di Forlì-Cesena in qualità di Responsabile del Settore Servizi. Nel 1997 è stato insignito dell'onorificenza di Cavaliere Ufficiale al Merito della Repubblica Italiana.