Municipio Castrocaro

La notizia della disponibilità della sindaca di Castrocaro Terme e Terra del Sole Marianna Tonellato a ricandidarsi nell’estate del 2022 ci pare una comunicazione prematura nei tempi e traballante politicamente. In piena fase pandemica ed emergenza socio-economica in atto le priorità sono altre che riconfermare l’interesse ad una poltrona, seppure ‘piccola’ come quella da ‘primo cittadino’ di un paese di 6.300 abitanti. E poi prima di sottoporsi al gradimento degli elettori ci si dovrebbe interrogare sulla qualità del suo mandato Amministrativo, e tutti gli indicatori che ‘parlano’ della giunta Tonellato sono negativi”: a dirlo in una nota congiunta sono Fabrizio Ragni, vicecoordinatore di Fratelli d’Italia Forlì-Cesena e responsabile del territorio forlivese del partito, Alessandro Bombardini, già consigliere comunale di Castrocaro e cofondatore del Comitato cittadino per il centro storico, e Riccardo Merendi, consigliere dell’Unione dei Comuni della Romagna Forlivese e coordinatore di FdI per la vallata del Montone e dei territori collinari.

Mentre Marianna Tonellato annuncia la sua ricandidatura senza sapere nemmeno se avrà una coalizione politica pronta a sostenerla, anzi, alcune voci dicono il contrario, la destra si sta rafforzando in città, attorno ai nostri valori ed alla volontà di far rinascere il paese, sollevandolo da una crisi in cui è sprofondato negli ultimi anni”: aggiunge Alessandro Bombardini.

Castrocaro è sprofondata negli effetti della gravissima crisi che ha attraversato il turismo termale in Italia e tanti sono gli alberghi stagionali che sono stati costretti, negli ultimi anni a cessare definitivamente l’attività. Tantissime sono ancora oggi le strutture che cercano di sopravvivere ma che, purtroppo, devono quotidianamente confrontarsi con costi gestionali, a fronte di una riduzione di clienti, sempre più difficile. Nell’estate del 2020 s’è registrato un calo del movimento turistico del 60,5% a Castrocaro Terme e Terra del Sole. I servizi diventano sempre più distanti per il cittadino, in senso materiale proprio: si pensi alla chiusura dell’ufficio postale di Terra del Sole tre giorni a settimana, un disservizio segnalato soltanto da noi. Per non parlare dei servizi di sicurezza urbana, con la carenza endemica del personale di polizia locale che nella gestione dell’Unione dei Comuni penalizza proprio le ‘piccole’ realtà, o dei servizi ambientali e gli incontrollati abbandoni di rifiuti che abbiamo segnalato più volte in estate. Decoro urbano e sicurezza pubblica sono due cardini delle politiche attive di un’Amministrazione che si vuole dire vicina ai cittadini. E in questi due ambiti registriamo le carenze peggiori della giunta Tonellato”: aggiungono nel comunicato Alessandro Bombardini, Fabrizio Ragni e Riccardo Merendi.

Per la rinascita del nostro Comune sono ben altre le iniziative che dovrebbe prendere una giunta, che non la mera e mediocre gestione dell’ordinaria amministrazione. Pensiamo al rilancio culturale e dei beni storico-architettonici che dovrebbero essere allineati ad un progetto che coinvolga Regione, ministero ed Europa. Si pensi alle potenzialità della cittadella medicea di Terra del Sole, gioiello del Rinascimento italiano, o agli esempi dell’architettura del razionalismo italiano di Castrocaro Terme. Quando ci lasceremo alle spalle la crisi pandemica, dovremmo e potremmo intercettare nuovi turisti, oltre ai flussi del “turismo termale”, grazie ad una rinnovata programmazione culturale o valorizzazione delle tante eccellenze legate all’enogastronomia o dalle bellezze paesaggistiche locali. Sarebbero necessarie politiche governative di incentivazione e sostegno ai comparti del Turismo e dei Beni Culturali, perché rappresentano un’importante opportunità economica per il territorio, con risvolti occupazionali decisivi, ma proprio in questa fase il governo è alle prese con l’ennesima crisi politica”: aggiungono Bombardini, Ragni e Merendi.

Noi al premier Conte ed al sindaco Tonellato diciamo che le priorità sono altre e che in questa fase ci si dovrebbe soltanto muovere a testa bassa per salvare la nostra economica stringendoci attorno ai nostri concittadini. Tutto il resto… inutili parole e vecchia politica-politicante”: concludono i tre esponenti di Fratelli d’Italia Fabrizio Ragni, Alessandro Bombardini e Riccardo Merendi.