Casa Civica: “Tonellato si ricandida ma i problemi del paese restano”

0

Archiviate le festività natalizie il gruppo di minoranza Casa Civica, composto da Daniele Vallicelli, Alessandro Ferrini (nella foto) e Rossella Tassinari, esprime le proprie considerazioni di inizio anno preparandosi ad affrontare la parte finale del mandato consiliare: “In una recente intervista la Sindaca uscente Marianna Tonellato ha di fatto annunciato la sua ricandidatura alle prossime elezioni comunali, previste per il 2022, presentando il resoconto della propria esperienza amministrativa. Al di là delle legittime ambizioni di ciascuno, il primo cittadino di area renziana conferma di non avere ancora compreso adeguatamente le reali priorità della comunità locale, provata ulteriormente dalla pandemia tutt’ora in corso” attaccano i consiglieri di Casa Civica.

Ad esempio il nostro governo cittadino si ostina a investire cifre significative in operazioni pubblicitarie che rischiano di perdere qualsiasi efficacia di fronte all’indefinito prolungarsi della paralisi turistica mondiale, mentre quasi ovunque si ragiona in termini di emergenza e di sopravvivenza del tessuto economico locale, cercando di integrare gli insufficienti ristori statali per le numerose aziende in difficoltà come bar, ristoranti, strutture ricettive e commercio al dettaglio. Inoltre in questa legislatura consideravamo fondamentale sviluppare l’idea di un paese migliore in termini di infrastrutture, opportunità e servizi per i residenti. Purtroppo, al contrario, sono stati anni caratterizzati da toni autoritari, poca concretezza e troppi ritardi, tant’è che ancora attendiamo il rifacimento della palestra scolastica inagibile dal 2017. Mancano poi progetti per i giovani e le famiglie, non si pensa a pianificare né un’area feste attrezzata, né un teatro pubblico” continuano i consiglieri di minoranza.

Non esiste una strategia per valorizzare a dovere i borghi storici e il nostro patrimonio culturale, compreso l’inestimabile bagaglio di tradizioni e volontariato che caratterizza Castrocaro Terme e Terra del Sole. Non è stato fatto nulla per sfruttare le possibilità legate alla rigenerazione urbana e sono carenti le iniziative per aumentare la manutenzione, il presidio e la sicurezza del territorio. In sintesi – concludono i consiglieri – la qualità della vita dei concittadini rischia inevitabilmente di peggiorare, perciò in quest’ultima parte del mandato sarebbe preferibile accantonare le carriere politiche dei singoli per affrontare un dialogo serio, realistico e condiviso sul futuro della nostra comunità”.