Alla Fumettoteca grande successo della mostra su Bonvi

0

Caratterizza in modo inequivocabile, la proposta promossa dalla Fumettoteca Regionale Alessandro Callegati “Calle”, via Curiel 51 Forlì, ha riscontrato dal pubblico notevole attenzione e partecipazione per questa prima esposizione online targata 2021 e dedicata a presentare il lavoro dell’autore Bonvi, intitolata “Omaggio a Bonvi”.

La particolare e specifica mostra, sebbene di non originali è unica nel suo genere ed ha esposto prodotti di non facile reperibilità, come ad esempio il Porfolio Blob, Edizione Speciale fuori commercio, numerata e firmata, che la Fumettoteca ha ricevuto in donazione dal Portogallo da Gianni Pavanetto. Un portfolio che il forlivese acquistò direttamente da Bonvi proprio al Roxy Bar, a Bologna, una settimana prima dell’incidente mortale. Soddisfazione da parte dello staff Fumettoteca per l’ottimo risultato, valida conferma della professionalità e capacità che i membri sono in grado di mettere in campo, nonostante il loro operato sia dettato dalla passione e del volontariato. Caratteristiche queste che sono veri punti di forza, in grado di poter contrastare tutti coloro che hanno studiato e si reputano ingenuamente di saper far meglio. Ecco perché la comunità può contare sulla Fumettoteca, sui membri del suo staff preparato, sul parco di proposte fumettistiche formato da oltre 40.000 documenti.

Tantissime le testate esposte, come mai prima d’ora, un vero omaggio senza secondi scopi, che ha visto proporre oltre al contenuto dell’ambito Porfolio Blob, la collezione completa di Off-Side, sulle cui pagine Bonvi propose la sua grande e variegata produzione, gli interessanti numeri di Eureka e i tanti numeri Eureka selezione, oltre ai conosciutissimi Eureka Poket, l’immancabile settimanale Sturmtruppen Magazinen, i numeri di S & M Strisce e Musica supplemento de Il Resto del Carlino, e ancora il Corriere dei Ragazzi, Corier Boy, albi di SturmStoriken, oltre a molti altri volumi e albi vari realizzati lungo la sua carriera, senza dubbio si potrebbe definire una Bonviteca. Franco Bonvicini, alias Bonvi, è presentato come un artista a tutto tondo, che ha dato moltissimo al fumetto italiano ed europeo, famoso cartoonist, scomparso 26 anni fa, posto in un contesto per fare constatare e visionare come l’autore poliedrico fosse in grado di comunicare messaggi sociali profondi e interessanti. Una produzione, quella di Bonvi, sconfinata che ha visto proporre fumetti su tutti gli ambiti conosciuti destreggiandosi anche nella realizzazione di storie svariate.

CONDIVIDI
Articolo precedenteFdI: “Accolte le nostre proposte per l'intitolazioni di vie ai Caduti di Nassiriya e Norma Cossetto”
Articolo successivoAumentano le vendite dei farmaci online: +76% rispetto al 2019
Esperto e attento ricercatore dei linguaggi giovanili, in particolare modo il linguaggio veicolato dalla produzione dell'editoria indipendente giovanile, con alle spalle studi di Tecnico Operatore Sociale è da oltre un decennio impegnato nella ricerca, studio e lavoro inerente alla produzione dell'editoria fanzinara nazionale. Filologo e storico delle fanzine italiane è autore di varie pubblicazioni e numerosi articoli, saggi, cronologie e bibliografie diffuse su periodici ufficiali ed amatoriali, riviste specializzate e webzine, un operato che testimonia il suo interesse per lo studio, la ricerca e la documentazione relativa all'universo, agli autori e alla produzione fanzinara. A questi prodotti amatoriali realizzati dal 1977 al 1997 ha dato alle stampe il primo, e finora unico, lavoro di catalogazione pubblicato in Italia. Coordinatore e organizzatore, nonché docente, di Workshop, Corsi, Seminari rivolti al mondo dell’editoria fanzinara italiana, svoltisi con successo in varie città, eventi che hanno sempre riscosso notevole interesse da parte dei partecipanti.