Calcio-Forlì-Ghiviborgo

Lentigione – Forlì: 1-1

Lentigione: Cheli, Galanti, Piccinini, Scalini, Rossini (71′ Tozzi), Tarantino, Caprioni, Martino (61’ Bouhali), Barranca, Zagnoni, Sanat (71’ Scanu). A disp.: Mora, Dodi, Carpio, Singh, Nouvenne, Canrossi. All.: Notari.
Forlì: De Gori; Zamagni (68’ Giacobbi), Biasiol, Sabato, Gkertsos; Gigliotti (88’ Sedioli), Buonocunto, Piva, Gasperoni (71’ Ballardini); Tortori (82’ Pozzebon), Ferrari. A disp.: Stella, Battaglia, Croci, Marzocchi, Zabre. All.: Giuseppe Angelini.
Arbitro: Zippilli di Mantova. Assistenti: Annoni di Como e Piccinini di Ancona.
Note – Marcatori: 58’ Gasperoni, 90’ Tozzi. Ammoniti: Buonocunto, Piva, Caprioni, Rossini, Cheli. Corner: 3-1 per il Lentigione. Recupero: 0, 3’.

Un pareggio che ha il sapore della beffa. Obiettivamente il risultato è giusto, ma il rammarico per non aver difeso con maggiore saggezza il vantaggio romagnolo costruito con una perla di Gasperoni su punizione è più che evidente. Il Forlì esce così con un pareggio dall’Immergas Green Arena. Per il Lentigione altro risultato conquistato sul finire di gara.

Cronaca. Dopo le classiche fasi di studio nei primi 15′ si segnala solo un pressing abbastanza alto dei forlivesi, ma l’equilibrio regna sovrano. Al 17′ calcio di punizione degli ospiti battuto poco fuori dall’area nell’angolo dell’area sulla sinistra che esce nettamente alto sopra la traversa. La prima azione pericolosa è di Gasperoni che trova un varco ma la sua conclusione esce a lato sulla destra con il portiere che controlla senza affanno. Il Forlì nella prima parte di gara prova a fare gioco sempre dalla fascia sinistra, il Lentigione più centralmente, ma entrambe le formazioni non trovano spunti negli ultimi 16 metri. Al 32′ incursione di un ispirato Barranca che entra in area, dribbla due difensori che però si stringono nella marcatura e la successiva triplice marcatura sul reggiano annullano la pericolosa incursione. Al 37′ Buonocunto apre l’elenco degli ammoniti. Nell’ultima parte del primo tempo i Galletti provano a spingere anche nella fascia destra ma senza trovare spiragli interessanti. Al 39′ è ancora Barranca che semina il panico nella difesa forlivese, entra in area e a un metro dalla linea di fondo dell’area piccola tenta l’assist ma non trova dei compagni pronti alla ribattuta a porta vuota. Al 44′ è ancora lo sgusciante Barranca che sulla sinistra entra pericolosamente in area ma la sua sciabolata esce di poco alla sinistra di De Gori. Il primo tempo, molto equilibrato, termina senza alcun minuto di recupero. I migliori sono Barranca e Biasol.

Secondo tempo. Al 46′ Martini s’invola sulla destra, crossa al centro per Tarantino che spara altissimo. Nel’avvio della seconda frazione il Lentigione è più propositivo rispetto alle fase iniziali del primo tempo: con due azioni, una punizione e un colpo di testa insidioso mettono pressione alla difesa romagnola. Al 56′ iniziativa centrale di Buonocunto fermato da Caprioni che becca un giallo. La successiva punizione, battuta al 58′ da Mattia Gasperoni dai 30 metri trova il gol alla sinistra di Cheli aggirando la barriera con la sfera che si abbassa improvvisamente giusto per spezzare l’equilibrio della gara (prima rete stagionale). Notari cerca la reazione dei suoi e toglie Martino per Bouhali. Il Lentigione reclama due rigori: prima per un fallo di Biasol e poi per un fallo di mano di un difensore romagnolo ma per l’arbitro è tutto regolare. Angelini fa uscire Zamagni per l’ingresso di Giacobbi. Al 70′ interessante ripartenza dei casalinghi con Sanà che è bravo a liberarsi centralmente ma la sua mira non è altrettanto precisa. Girandola di cambi: per il Forlì entra Ballardini per l’autore del gol Gasperoni. Nel Lentigione escono Sanà e Rossini per Scanu e Tozzi. Aumenta la pressione dei reggiani, ma i Galletti sono bravi a chiudere gli spazi anche con i raddoppi di marcatura. All’80’ il Forlì va vicino al raddoppio, prima con una bella azione di Gkertsos finalizzata da Tortori, e poi su un colpo di testa sugli sviluppi di calcio d’angolo. All’83’ Bouhali colpisce male ed è facile per De Gori bloccare in presa centrale. All’86’ miracolo di De Gori su colpo di testa di Piccinini, il portiere si allunga e neutralizza la possibile opportunità del pareggio. Angelini tenta di difendere il vantaggio: esce Gigliotti ed entra Sedioli. Ma proprio al 90′, col nuovo entrato Tozzi, il Lentigione trova il gol del pareggio sugli sviluppi di un corner. Tre i minuti di recupero assegnati dall’arbitro. Finisce così: i forlivesi masticano amaro per il pari, i casalinghi esultano per aver rimediato agli sgoccioli l’ennesima gara.