OraSi Ravenna – Unieuro Forli 70-83

OraSi Ravenna: Denegri 16 (2/4, 4/7), Cinciarini 12 (4/7, 1/7), James 11 (4/6, 0/3), Oxilia 11 (0/3, 2/6), Givens 6 (2/3), Simioni 4 (1/2), Chiumenti 4 (1/1), Venuto 3 (0/1, 1/5), Maspero 3 (0/2, 1/2), Buscaroli n.e, Vavoli n.e, Laghi n.e. All.: Cancellieri.
Tiri da due: 14/29 (48%). Tiri da tre: 9/30 (30%). Tiri liberi: 15/19 (79%). Rimbalzi: 33 (24+9)). Assist: 13.
Unieuro Forlì: Giachetti 21 (5/5, 2/3), Rush 15 (3/7, 2/4), Bruttini 14 (4/6), Roderick 12 (4/8, 0/2), Rodriguez 8 (0/2, 2/3), Landi 7 (0/2, 1/2), Natali 3 (1/2 da tre), Dilas 2 (1/1), Bolpin 1 (0/1 da tre), Campori, Babacar Ndour, Zambianchi n.e. All.: Dell’Agnello.
Tiri da due: 17/31 (55%). Tiri da tre: 8/17 (47%). Tiri liberi: 25/33 (76%). Rimbalzi: 35 (29+6)). Assist: 10.
Parziali: 23-19, 14-11, 18-26, 15-27.
Arbitri: Catani, Patti, Calella.

Una super scintillante Unieuro vince la quinta consecutiva. Come un diesel con la messa a punto perfetta Forlì dapprima lascia un margine di vantaggio ai ravennati, nella fase iniziale, poi inserisce il portentoso turbo per sorpassare con una manovra ineccepibile. Anche in questo derby alla fine le statistiche spiegano meglio di qualunque elucubrazione il successo forlivese: l’Unieuro è più preciso nel tiro da due (55% contro il 48%), nel tiro da tre (47% contro il 30%) e con una leggera supremazia a rimbalzo (35 contro 33). Quindi by by Ravenna dopo tante delusioni biancorosse patite in questi ultimi anni nella sfida con i cugini.

Ravenna comincia forte, con i punti di Denegri (alla fine miglior marcatore dei suoi) e i liberi di Simoni, ai quali rispondono due triple di Rodriguez e Rush (9-6). La gara resta in equilibrio e si segna da una parte e dall’altra senza che nessuna delle due squadre riesca a scappare definitivamente. L’Unieuro così trova ancora punti da Rush, poi da Bruttini e Roderick (16-13). La tripla di Giachetti vale il -3 (22-19), punteggio con il quale si chiude il primo quarto.

Si ricomincia con il canestro di Bruttini, poi Ravenna segna 5 punti (27-21). Il canestro di Dilas vale il -4 (27-23) e costringe Cancellieri al time-out. Segna Denegri da tre, e i biancorossi rispondono con un parziale di 4-0 a firma Rush e Roderick (30-27). Ancora due triple portano l’OraSì ad allungare fino al +8 (36-28), ed il primo tempo si chiude con il canestro di Giachetti per il 36-30.

Segna James e gli risponde Landi con tre tiri liberi (39-33). Ravenna trova ancora il +8, prima di 7 punti consecutivi di Rush che permettono all’Unieuro di dimezzare lo scarto (44-40). Il parziale favorevole che ne viene fuori è di 10-2 e il canestro di Giachetti porta al -1 (46-45). I padroni di casa, però, rispondono subito ed allungano fino al +7 (53-46) che costringe Dell’Agnello al timeout.

Al rientro, l’Unieuro impone il ritmo e trova i canestri di Bruttini, la tripla di Rodriguez e i due punti di Roderick che valgono il -2 (55-53). Sulla sirena, la tripla di Natali è quella del vantaggio e così si chiude il quarto (55-56).
Ravenna torna avanti nei primi attacchi del quarto, Giachetti pareggia, e Roderick sorpassa (58-61). L’Unieuro mette in campo una difesa asfissiante ed ermetica, che chiude ogni spazio ai padroni di casa e non li fa segnare per oltre tre minuti; è il momento chiave della partita, visto che in attacco, arrivano i punti di Giachetti e Bruttini, che confezionano un parziale di 10-0 (60-71). Si entra negli ultimi 3′ con la tripla di Landi che vale il +12 (65-77), ai quali seguono i liberi di Roderick e Rodriguez per il 65-81 (+14), massimo vantaggio ospite. I liberi di Giachetti chiudono ufficialmente il match: il finale è 70-83.

Dell’Agnello a fine match: “Dire che siamo contenti è poco, abbiamo trovato una squadra agguerrita e molto ben organizzata e temevamo il loro inizio. Dovevamo essere più pronti, ma non era semplice dopo la gara di domenica scorsa. Nel secondo tempo, minuto dopo minuto, abbiamo iniziato a carburare molto bene e abbiamo fatto quello che avremmo voluto fare”.