Quadro-Il-ruscello-di-Guerriero-Cortini

Nei giorni scorsi è stata presentata la 19° edizione del calendario dell’Associazione “Gli Elefanti“, che ha come motto, per spiegare le ragioni dell’iniziativa: “Un anno d’Arte per una vita di Solidarietà”, essendo la pubblicazione arricchita da immagini di opere di artisti forlivesi, mentre il ricavato delle vendite viene utilizzato per finanziare il Centro d’aiuto allo studio per ragazzi con Disturbi Specifici dell’Apprendimento (DSA – dislessia, disgrafia, disortografia e discalculia) di Forlì.

Nell’occasione Massimo Fabbri, presidente del sodalizio, ha voluto evidenziare che sono già trascorsi vent’anni da quando l’associazione venne costituita e tanti sono stati i cambiamenti che si sono verificati nel corso del tempo. “C’è qualcosa, però”, ha aggiunto Fabbri, “che è rimasto immutato e che ci anima ogni giorno: per noi l’educazione è e rimarrà una passione sempre. Tanti incontri hanno caratterizzato questi anni e il nostro gruppo si è davvero ampliato. Proponiamo luoghi ed esperienze positive a favore di bambini, ragazzi e famiglie anche in un’ottica intergenerazionale tanto che attualmente frequentano il Centro DSA ben 65 bambini e ragazzi“.

Per l’edizione 2021 del calendario sono stati coinvolti gli artisti: Giuseppe Tolo (copertina), Barbara Spazzoli, Franco Giannelli (Grota), Sara Sax Guidi, Paolo Vignali, Vanni Perpignani, Paolo Graziani, Franco Vignazia, che non mancano mai di far sentire il proprio sostegno all’associazione. Inoltre è stato chiesto ai familiari di Roberto Casadio, Francesco Giuliari, Carmen Silvestroni, Guerriero Cortini e Glauco Fiorini la disponibilità dell’immagine di un’opera del loro congiunto in modo che potesse arricchire la pubblicazione e nel contempo ricordare l’operato di illustri concittadini. Qui viene presentato un particolare del quadro “Ruscello” di Guerriero Cortini, di proprietà privata.

Guerriero Cortini (1945-1997) si diplomò all’Accademia delle Belle Arti di Ravenna e partecipò come pittore e grafico a diverse mostre personali e collettive. Come docente insegnò nel Laboratorio d’incisione della Libera Accademia di Santa Sofia e tenne conferenze all’Istituto Superiore Industrie Artistiche di Faenza. Fu capace di sviluppare una ricerca “ergografica”, tra la notazione musicale e il segno calcografico. I suoi lavori hanno sempre fatto riferimento al concetto di “tempo” nella costruzione dell’opera d’Arte.
Per acquistare il calendario è possibile contattare Gianni Matteucci al 3397028348.

Gabriele Zelli

CONDIVIDI
Articolo precedentePubblicato il calendario 2021 dedicato alle ville storiche di Cervia e di Milano Marittima
Articolo successivoRiprende il servizio di spesa a domicilio per le persone anziane e con fragilità
Ex sindaco di Dovadola, classe 1953, dal 1978 al 1985 dipendente del Comune di Dovadola. Come volontario in ambito culturale è stato dal 1979 al 1985 responsabile della programmazione del Cinema Saffi e dell'Arena Eliseo di Forlì e dal 1981 al 1985. Coordinatore del Centro Cinema e Fotografia del Comune di Forlì. Nel giugno 1985 eletto Consigliere comunale e nell'ottobre 1985 nominato Assessore comunale di Forlì con deleghe alla cultura e allo sport. Da quell'anno ha ricoperto per 24 anni consecutivi il ruolo di amministratore dello stesso Comune assolvendo per tre mandati le funzioni di Assessore e per due a quella di Presidente del Consiglio comunale. Dirigente e socio di associazioni culturali, sociali e sportive presenti in città e nel comprensorio. Promotore di iniziative a scopo benefico. E' impegnato a valorizzare il patrimonio culturale, storico e artistico di Forlì e della Romagna. A tale scopo dal 1995 ha organizzato una media di oltre 80 appuntamenti annuali, promuovendo anche interventi di recupero del patrimonio architettonico di alcuni edifici importanti o delle loro parti di pregio. Autore di saggi e volumi, collabora con settimanali, riviste locali e romagnole. Dirigente dal 1998 di Legacoop di Forlì-Cesena in qualità di Responsabile del Settore Servizi. Nel 1997 è stato insignito dell'onorificenza di Cavaliere Ufficiale al Merito della Repubblica Italiana.