Casa Civica boccia il bilancio di previsione

0

Nell’ultimo Consiglio Comunale del 2020, svoltosi lunedì, è stato discusso e votato il bilancio di previsione del Comune di Castrocaro Terme e Terra del Sole per il periodo 2021– 2023. In quell’occasione il Gruppo Consiliare di minoranza Casa Civica ha espresso il suo voto contrario evidenziando numerosissime perplessità sulla condotta politica della Giunta Tonellato sia in termini di spesa corrente, sia sul piano degli investimenti: “Innanzitutto” premettono i consiglieri Vallicelli, Ferrini e Tassinari “il bilancio dovrebbe costituire, soprattutto in questo momento complicato, uno strumento fondamentale per condividere con l’intera cittadinanza progetti ben ragionati a sostegno di chi vive e lavora nel nostro paese. Invece la maggioranza continua a impegnare quantità importanti di soldi pubblici in maniera autoreferenziale e senza confrontarsi con le reali esigenze del territorio. Per esempio in merito alla la spesa corrente – proseguono i consiglieri – da mesi sosteniamo che andrebbero stanziate risorse comunali per ristorare ulteriormente i negozi e le attività più penalizzati dalle chiusure, i bar, i ristoranti e le attività alberghiere: non solo quelle che hanno aperto nel 2020, ma anche quelle intenzionate ad aprire nel 2021. Invece ci si è limitati praticamente a destinare gli aiuti genericamente concessi a livello nazionale, spesso insufficienti, senza prevedere sostegni economici aggiuntivi, locali e mirati, come hanno fatto tantissimi comuni anche della nostra provincia. Le disponibilità finanziarie, infatti, ci sarebbero, ma le decisioni dell’amministrazione si sono focalizzate insistentemente su iniziative pubblicitarie ed altri aspetti secondo noi inefficaci in un momento che andrebbe affrontato con interventi coraggiosi e urgenti per salvaguardare il tessuto economico locale e la sua vocazione turistica”.

L’altro aspetto contestabile – concludono gli esponenti di Casa Civica – riguarda il piano degli investimenti. Infatti la maggioranza ha redatto per il triennio 2021-2023 un libro dei sogni più confacente ad un anticipo di campagna elettorale che a definire concretamente lo sviluppo del paese. È ormai evidente quanto la Giunta Tonellato risulti politicamente inadeguata a realizzare quest’elenco di opere destinate a rimanere sulla carta: basti pensare che il mandato entra nella sua parte finale e ancora tardano i lavori per la nuova palestra o per il potenziamento della videosorveglianza. Crediamo dunque che questo bilancio manchi complessivamente di una visione politica concreta e consapevole dei bisogni attuali e delle sfide future della nostra comunità”.