La festa dell’Immacolata Concezione coincide storicamente con l’accensione e la consegna alla città degli addobbi e delle luminarie come da tradizione. Quest’anno come tutti sappiamo è un anno particolare forse l’anno più difficile sotto tanti punti di vista ma è anche l’anno dove bisogna vedere e credere, ancor di più, nel futuro e nella ripresa economica della nostra città. Devo tristemente constatare anche in questa occasione le critiche sollevate da alcuni esponenti del partito democratico riguardo l’ammontare delle spese comunali mal considerando il reale coinvolgimento dell’Amministrazione nel computo totale” è il commento di Albert Bentivogli consigliere comunale della Lega.

Ricordo che i 200 mila euro stanziati per gli addobbi e le luminarie sono stati erogati, per buona parte, da privati. I forlivesi ci chiedono una città bella e ordinata tenendo in considerazione anche i meno fortunati, aspetti che questa Amministrazione sta sostenendo con grande impegno, risorse e capacità. Vista la fonte delle critiche di una sinistra forlivese inerme e consapevole dell’ottimo lavoro che stiamo svolgendo, mi porta a rispondere a chi ha prodotto negli ultimi anni le luminarie e gli addobbi più poveri e spenti della storia della nostra città, che prima di accendersi a sterili polemiche dovrebbero farsi un esame di coscienza e conoscenza. Concludo sostenendo che quello che importa e rimane ogni 8 dicembre è l’immenso orgoglio di voler illuminare e mostrare a tutti quanto è bella la nostra Forlí” conclude Albert Bentivogli.