La Muccigna

0

La Muccigna
Indirizzo: Piazza del Popolo 39 a Cesena
Recapiti tel.: 0547/24969
Giorno di chiusura: lunedì
Orario di Esercizio: pranzo/cena.
Chiusura per ferie: gennaio, maggio e fine ottobre.
Si può prenotare? Si; Impellente.
Il locale è climatizzato. In estate un bel dehor esterno con vista Fontana Masini e Castello: impareggiabile.
Come arrivare, itinerario consigliato: devi portarti in centro a Cesena, Piazza del Popolo. Parcheggio: Antistante sulla piazza; a pagamento (caruccio).

Da tempo cercavo il momento ideale per scrivere questo pezzo: ahimè, tocca adesso, di nuovo con problemi. La pandemia creerà non pochi problemi al settore della ristorazione.
La Muccigna funziona da un anno, struttura fatta da zero, un bell’investimento; lo trovi in Piazza del Popolo a Cesena una delle piazze più belle d’Italia; in estate il locale monta un dehor sulla piazza, in fronte alla fontana Masini, opera magna ed al castello, enorme, si cena da favola.
“Muccigna”, in dialetto Sambenedettese, sarebbe la cassetta del pesce che il Comandante del Peschereccio mette da parte per se stesso, insomma un “bottino” personale del pescato, roba privilegiata, per pochi.

Yuri e Laura Vallese sono i due riferimenti del Ristorante; Laura sarebbe la titolare con un locale così importante sulle spalle. Yuri, alto con presenza, è il primo Chef del locale, vanta un ottimo curriculum: da giovane incomincia col lavorare in una piccola struttura alberghiera nella cittadina di Alba Adriatica (TE), da dove proviene, una regione famosa, forse la più importante sul settore ittico. Yuri è di San Benedetto del Tronto, cittadina marittima con netta vocazione marina e con una flotta di pescherecci da primato: il primo porto in Italia per numero e qualità del pescato. Le carte sono in regola, ma Yuri, sul servizio militare, si trova in Marina e ottiene un posto da Chef nel Circolo Ufficiali, gente altolocata che mangia bene, ed eccolo sui fornelli anche nella naia.

Per Yuri da lì in poi la Cucina sarà la sua esaltazione di vita, sempre fatta col cuore. E i risultati non mancheranno. Per informazione, essendo un locale sul pesce anche crudo, evidenzio che tutto il pesce viene abbattuto a – 25 gradi per giorni; i fornitori, ben selezionati, provengono dal Porto di Ancona e, manco a dirlo, San Benedetto del Tronto. Il Locale si sta imponendo tra i migliori ristoranti di pesce sulla Romagna.

Dimensione del locale; Servizi Igienici; Cucina: locale nuovissimo, razionale pulito perfetto, ben fatto, fine ed accogliente. Tavoli e posaterie ottime; tovagliato di lusso, Ambiente free, elitario, rilassante, accomodante. Musica a basso volume, come dev’essere. Bagno: uno solo, mono o bi-sesso, fate voi: perfetto.

Target del locale $$$: Medio/Alto, secondo portate ed il bere.

Note sulla cucina, tipologia espressiva: La Cucina è a vista, bellissima. Cucina creativa fortemente mirata al genuino pesce, e siamo al vertice.

Direzione, chef: Boss: Laura; Chef: Yuri.

Descrizione Menù:
Antipasti: Entrée d’ufficio, arriva un baccalà in crema di verdura e paprica, buono e delicato; voto: 7,5. Antipasti assaggiati: Trippa di Rana Pescatrice con pinoli tostati: conosco bene questa specialità degustata spesso a Martinsicuro, per decenni, ed in un locale top (molto gettonata in questa zona), devo dire che questa era favolosa: tenerissima (raro), profumata, pulita, fresca, buona, delicata. Do il massimo dei voti: 10 e lode. Ancora assaggi d’Ufficio (senza chiedere, Ndr): Alici sfilettate fritte con letto di rucola ed aceto balsamico Modena. Sulle Alici ho il dente avvelenato, non tollero difetti ed il primo è che, essendo un prodotto super deperibile, dev’essere freschissimo! Questo lo era, perfetto. Ottima la frittura con olio abbastanza fresco. Insolito il letto di rucola e positivo lo sgocciolamento di oro Balsamico Modena. Voto: 10.
Segnaliamo: Baccalà alla Muccigna, su letto di crema di zucchine con pane croccante e barbabietola in polvere; Crudi di Ostriche, mazzancolle, canocchie, scampi e gamberi rosa: siamo al top; Carpacci di tonno, cappesante, branzino e ricciola. Selezioni di ostriche e mazzancolle; A vapore: Razza, Baccalà, sgombro, polpo, verdure fresche: favoloso; Evidenzio il pesce azzurro. Saporito e ricco di Omega3; Polpo alla catalana con verdure; Mazzancolle al rosmarino. Tutto al top, massimo dei voti.

Primi piatti: arriva un interessante Spago grosso con vongoline sgusciate e bottarga di rombo fatta in casa dallo chef. Delirio, parata di sapori, buonissimo. Bravo chef. Voto: 9,5 (era un po’ salato ma la Bottarga è così, quella buona). Evidenzio: Brodetto di Pesce alla Sambenedettese; la zuppa di pesce. Lo chef è della Patria delle Zuppe di Pesce! Da gettonare. Questa versione è con Pesce vario, Peperoni spellati (cotti in aceto!) e Pomodoro. Massimo dei voti. Ravioli di Orata alle Melecche, sorta di sampi che fan la muta. Tagliolini sogliola e zucchine. Quadrata (cioè Paccheri, Ndr) ragù di branzino e maggiorana. Risotto alla Muccigna: seppia, sogliole, scampi, vongole sgusciate, granchio e barbabietola in polvere. Tutto al top.

Secondi piatti. Si veda nei Primi la mia dicitura sulla Zuppa di Pesce, bivalente, cioè primo o secondo piatto, dipende dalla cultura mangereccia. Branzino sfilettato alla griglia con patate. Grigliata mista: non manca mai la dicitura “Grigliata mista”: in realtà la serietà del ristoratore propone il Pescato, massimo dei voti. Rombo sfilettato alla griglia con bietola. Fritto Misto dell Adriatico. Si tratta di un nobile fritto di Paranza, quello che c’è sulla Barca, escludendo la Muccigna, preda riservata del Capitano del Peschereccio! Buonissimo; massimo dei voti.

Contorni: verdure di stagione; verdure in agrodolce. Voti alti.
Nel Cestino: Cracker, crostini, pane, focaccette, tutto fatto in casa, voto 10 e lode.

I dolci: Mousse al limone. Semifreddo al pistacchio. Mascarpone con granella di Bronte al guscio. Crema di robiola con albicocche caramellate e crumble di cioccolato e noci: assaggiato d’ufficio, buonissimo, voto 1°9 e lode. Sorbetti, var tipi. Cremoso di ricotta con fichi caramellati e granella. Dolci tutti buonissimi.

La carta dei Vini: carta dei vini molto interessante. Olio sale aceto: Siamo al top.
Caffè e infiammabili: grande scelta, per soddisfare i più esigenti. Caffè: Illy, stupendo, classe indubbia sul servire uno dei migliori caffè arabici in commercio, costa molto e lo pone al modico prezzo del Menù: voto 10 e lode più menzione speciale sul caffè (tieni conto che il caffè chiude il pranzo, importanza vitale). Infiammabili: scelta per i palati più esigenti, siamo al top.

La Cantina: Ottima scelta di etichette, specie da pesce.
Piatti consigliati: Trippa di Rana Pescatrice. Cruditè.
Chimere gastronomiche: Pescato dell’Adriatico.

Fa Pranzo Lavoro? Proposte a pranzo a 25 €.

Verdetto finale:
La Location, esterna: 10
Il locale: 9
Servizio: 9
Voto globale sul menù: da 8 a 10 e lode.
Il Conto: 8.

“Sulla Porta”. Il locale vanta le Placche delle seguenti Guide:
4live.it
www.viaemiliaristoranti.it
Associazione Professionale Cuochi Italiani; Touring Club Italiano; Food station; Io sono Cesena.
Puoi anche provare (locali recensiti, segnalati, da recensire):
Ristorante Terre Alte, pesce, top assoluto, a Longiano.
Rist. Castello di Diegaro, dehor N° 1, Diegaro di Cesena.
In definitiva: immancabile, per lavoro e per cena a lume di candela.

Gigi Arpinati