Generazioni in Comune: “Dal Comune nessun aiuto straordinario per famiglie e imprese”

0

Con rammarico abbiamo appreso nell’ultimo consiglio comunale di Predappio che nonostante il momento di straordinaria crisi economica per tante attività anche del nostro Comune, l’Amministrazione ha sprecato l’occasione della variazione di bilancio per fare qualcosa di utile e concreto per sostenere le attività economiche del territorio, preferendo dirottare la risorse disponibili ad interventi non urgenti come l’acquisto di attrezzature per le aree verdi. Un’occasione persa“. Lo afferma Generazioni in Comune al termine del consiglio comunale di giovedì sera nel quale si è votata l’ultima variazione di bilancio di previsione 2020-2022 come legge prevede.

Di fatto l’ultima possibilità per quest’anno di incidere sulle politiche del territorio.
Il sindaco e la sua giunta – precisano i consiglieri – non hanno previsto alcuna misura straordinaria significativa a sostegno delle imprese; ci saremmo aspettati molto di più da parte di questa amministrazioneMai abbiamo vissuto un’emergenza di queste dimensioni e in questo momento tutte le risorse possibili reperibili dal bilancio devono essere indirizzate a misure di sostegno alla cittadinanza e alle imprese del nostro Comune. Altre amministrazioni del nostro comprensorio lo hanno fatto, indipendentemente dal colore politico: per gli amministratori predappiesi, invece, la priorità è acquistare attrezzature per le aree verdi. Abbiamo due visioni diverse della realtà“.

Generazioni in comune ha avanzato anche una serie di proposte per utilizzare al meglio i fondi disponibili: “Per le famiglie si poteva disporre l’erogazione di ulteriori fondi alle persone in difficoltà lavorativa, supporti ulteriori alle richieste di sostegno all’affitto, maggiori fondi per le prime necessità e per i pagamenti delle utenze a chi si trova in condizioni di difficoltà dovute al periodo pandemico“.

Si poteva fare qualcosa di concreto anche per le attività commerciali – prosegue Generazioni in comune – prorogare di altri mesi la copertura della “quota fissa rifiuti” da pagare ad Alea per i mesi di chiusura anche parziale indipendentemente dal codice Ateco, si sarebbe potuto istituire un bando per contributi per l’affitto alle attività del nostro territorio, si potevano coprire le spese per la Tosap“.

A Predappio nulla di tutto questo – evidenzia la lista di opposizione all’Amministrazione comunale – nessuna misura straordinaria pur mantenendo tutte le azioni previste e adottando le misure richieste date da fondi regionali e statali. Si è pensato invece di investire 30 mila euro per l’acquisto di attrezzature per le aree verdi del nostro territorio (l’unica variazione di fatto prevista per gli investimenti)“.

Precisiamo – prosegue l’associazione – che non siamo contrari a questi tipi di interventi, alcuni anche necessari (come la sistemazione di alcuni giochi negli asili). Si sarebbe potuto intervenire nell’immediato nella sostituzione dei giochi che necessitano manutenzione, ma evitare in questo momento una spesa così corposa e destinare quella cifra a misure a sostegno a imprese e famiglie. Secondo noi le priorità adesso sono altre e abbiamo convintamente votato contro a questa proposta così formulata“.