FCA Crypto Ban

La Financial Conduct Authority (FCA) del Regno Unito ha annunciato il divieto di vendita di derivati crittografici ai clienti al dettaglio a partire dal gennaio 2021, affermando che “i consumatori al dettaglio non possono valutare in modo affidabile il valore e i rischi dei derivati come i contratti per differenze (CFD), futures, opzioni e exchange traded notes (ETN) che fanno riferimento a determinati criptoassets“.

Tale divieto rappresenterà una battuta d’arresto per il Regno Unito nel mantenere la sua posizione dominante come hub globale di fintech. È un passo infelice, dopo lo smacco del governo del Regno Unito alle società fintech, che ha inizialmente escluso queste ultime dal Coronavirus Business Interruption Loans Scheme (schema di amministrazione delle CBILS). Tale sorprendente esclusione ha danneggiato la credibilità del Governo come paladino di fintech dopo oltre un decennio di promozione della concorrenza fintech come antidoto alla concentrazione (rischio) delle banche del Regno Unito in seguito alla crisi finanziaria.

Le motivazioni della FCA per il divieto hanno indicato quattro aree:

  1.   Nessuna base affidabile per la valutazione
  2.   Presenza di abusi di mercato e di reati finanziari
  3.   Volatilità estrema
  4.   Insufficiente comprensione e mancanza di chiare esigenze di investimento.

Un sondaggio condotto dalla FCA, pubblicato quest’anno, ha rilevato che “la maggior parte dei proprietari di criptoasset sono generalmente a conoscenza del prodotto, sono consapevoli della mancanza di protezione normativa e comprendono il rischio di volatilità dei prezzi”. Il sondaggio della FCA, condotto da 2.681 partecipanti, offre la prova certa che questa dichiarazione di politica è forse fuorviante e lascia pensare che la FCA non abbia tenuto conto delle sue stesse fondamenta basate sulle prove.

Leggere: La compagnia di pagamenti Rocketfuel Blockchain querela il co-fondatore sui brevetti scaduti

Questo divieto viene attuato in seguito a una consultazione dell’FCA del 2019 che ha cercato di ottenere il contributo del settore in merito all’adeguatezza dell’offerta di derivati crittografici ai clienti al dettaglio. Il 97 per cento dei partecipanti alla consultazione non era d’accordo con la proposta della FCA di vietare questi prodotti. Con l’entrata in vigore del divieto a partire dal 6 gennaio 2021, il settore degli asset digitali ha iniziato a mettere in discussione l’apertura alla collaborazione del regolatore, non da ultimo la sua capacità di ascolto.

Con la decisione di vietare il mercato britannico, la Covid-19 ha provocato un’ondata di crisi economica, un’incombente crisi di Brexit e l’annuncio della Commissione Europea di proposte innovative per una legislazione sulla finanza digitale che contribuisca a fornire ai consumatori l’uso sicuro dei criptoasset in tutta Europa. È evidente l’influenza sui responsabili politici del Regno Unito con le crescenti tensioni tra Cina e Stati Uniti sulla tecnologia, e le imminenti elezioni negli Stati Uniti hanno portato a una furia di dichiarazioni normative e procedimenti giudiziari nel settore dei criptoasset.

Leggere: TradeFW Opinioni – TradeFW è Una Truffa o è Affidabile?

La FCA non ha coordinato le autorità di regolamentazione globali con questa mossa e non c’è stato un simile divieto in Europa, negli Stati Uniti o in Asia. Altri regolatori, in particolare l’U.S. CFTC, ha supervisionato in modo sicuro i mercati regolamentati dei derivati crittografici per quasi tre anni con prodotti che offrono una base affidabile per la valutazione. Sono mercati accessibili sia agli investitori al dettaglio che a quelli professionali. In considerazione dei forti legami e del coordinamento tra le agenzie globali, è sorprendente che un’autorità di regolamentazione lungimirante come la FCA non si sia trovata in grado di adattare queste salvaguardie al mercato del Regno Unito.

Ultimamente, il BaFin tedesco ha approvato un fondo di scambio bitcoin (ETF). BTCE è una valuta di scambio scambiata criptata (ETC) che traccia il prezzo del bitcoin. L’ETC è supportato fisicamente al 100% da bitcoin e per ogni unità di BTCE, c’è bitcoin memorizzato in custodia regolamentata di grado istituzionale. BTCE è stato il primo ETP di criptovaluta ammesso a Xetra per essere liquidato a livello centrale. 

In forte contrasto con altre tendenze normative globali con i criptoasset, questo divieto mette il Gran Bretagna da sola ad assumere una posizione proibitiva. Il divieto dei derivati crittografici è stato individuato e forse non è sorprendente, dopo la task force del governo del Regno Unito per i criptoasset del Regno Unito. La taskforce è uno sforzo congiunto tra il Ministero del Tesoro, la FCA e la Banca d’Inghilterra e nel suo rapporto finale pubblicato nell’ottobre del 2018 è stato proposto il divieto.

Molti potrebbero voler sostenere che questo divieto sia un bene per i clienti al dettaglio, un bene per il mercato dei servizi finanziari e un bene per il Regno Unito. È indubbio che il digitale è globale e che la finanza digitale è globale. Questa scelta è discutibile in un mondo in cui i clienti possono trovare i prodotti e i servizi che scelgono su Internet, ovunque essi provengano, e questa scelta spesso spinge i clienti verso l’estero.