ella-e-john

Titolo: Ella e John. Cast: Helen Mirren, Donald Sutherland, Christian McKay, Janel Moloney, Dana Ivey, Dick Gregory. Genere drammatico. Regista: Paolo Virzì. Italia, Francia, 2017. Durata 117 minuti.

Trama – È la storia di due coniugi anziani che scoprono di essere malati: lui soffre di Alzheimer, lei ha un tumore in fase terminale. Così decidono di partire per un viaggio in camper, sapendo che probabilmente sarà l’ultimo della loro vita. Decidono di non avvisare i loro tre figli; il cui unico interesse era legato alle medicine che dovevano prendere. John guida il camper fino a quando non ha dei “momenti bui” che la moglie riesce a fargli superare con amore e sostegno. Ella ogni sera lo aiuta a mantenere viva la memoria riguardando insieme filmati dell’infanzia dei loro figli. Si amano talmente che quando, in un momento di buio mentale di John, lei scopre di essere stata tradita e in un moto di gelosia lo lascia in una casa di riposo. Ma tornerà a prenderlo il giorno dopo resasi conto di cosa significasse il marito per lei e gli promette di non lasciarlo più. Arrivati alla meta prefissata Ella si sente male e deve andare in ospedale, ma John si perde e la ritrova attraverso il profumo della sua borsa.

Valutazione: ottima (4/5 faccine).

Commento – È stato un modo dolce e commovente di vedere come due persone anziane che si vogliono bene riescono ad affrontare due terribili malattie degenerative: non lasciandosi scoraggiare, ma lottando fino alla fine. 

A chi ne consigliamo la visione e perchè: a coloro che ritengono che l’amore vinca su tutto e che si possano affrontare malattie così complicate con dolcezza e tenerezza infinita.

Loretta, Giovanna, Daniela

CONDIVIDI
Articolo precedenteCoronavirus 7 novembre: due i decessi e 112 nuovi contagi a Forlì-Cesena
Articolo successivo“No all'inceneritore di Forlì” l'appello degli ambientalisti
La comunicazione si conferma essere una funzione fondamentale nella vita di ogni essere umano e si può esprimere in diversi modi e forme di linguaggio. Un vettore di informazioni e comunicazioni è senza dubbio il web, con opportunità quali i blog o le pagine facebook in cui ognuno di noi può esporsi ed esporre all'esterno pensieri, opinioni o semplicemente commentare fatti avvenuti. Una RedAzione può aiutare a sviluppare o più semplicemente dare spazio a capacità e abilità di scrittura o fotografiche. Le modalità espressive varieranno in funzione dell'argomento, degli interessi o del destinatario dell'informazione, potranno essere: articoli, fumetti, vignette, critiche, interviste, video, foto e tutto quello che verrà in mente e che di volta in volta si riterrà più adatto. Il momento redazionale e di programmazione della redazione diventa uno dei modi con cui i ragazzi possono, oltre che ordinare e attribuire senso alle proprie esperienze, anche percepire attraverso relazioni sociali un possibile rapporto con gli altri, a sottolineare come l'individuo non dipenda solo dai propri sistemi di significato, ma anche dal suo rapporto con l'ambiente e con le persone con cui la sua vita si incrocia. L'idea è anche quella di far passare un messaggio chiaro all'esterno, la disabilità non parla solo di disabilità ma può aprirsi ed esprimersi su qualsiasi cosa faccia parte della vita: musica, sport e spettacolo sono solo alcuni degli argomenti che vorremmo trattare. Tutto questo avverrà in collaborazione con 4live, blog di informazione locale, gestito da Tommaso Di Lauro (giornalista iscritto all'albo).