Visita-Casa-di-Axel-della-don-Pippo

Noi utenti della fondazione “Opera don Pippo” siamo andati a Longastrino, in provincia di Ravenna, per visitare la “Casa di Axel”, una pensione per cani, che ha al suo interno un rifugio, completamente immerso nel verde. È una struttura molto ospitale, sia per il luogo, sia per la disponibilità dei proprietari che ci hanno fatti sentire a nostro agio fin da subito.
Gli ospiti sono prevalentemente cani pittbull, amstaff e doghi argentini che hanno avuto storie di violenze e abbandoni ed ora necessitano di un recupero comportamentale.

In questo sono molto bravi Francesca Sistah, il suo compagno Francesco, entrambi educatori cinofili ENCI (Ente nazionale cinofilia italiana) e Luigi, fratello di Francesca. Dopo mezz’ora ognuno di noi aveva trovato e scelto un cane che potendo, avrebbe adottato: Beatrice, Roxy, Laika. Abbiamo conosciuto anche un mastino napoletano tripode, di nome Guenda; un concentrato di tenerezza e maestosità. 

Francesca ha la capacità, non frequente, di normalizzare la disabilità, anche perché la sperimenta in prima persona con un suo fratello con disabilità grave. Questo è stato uno dei punti che ci ha fatto sentire molto accolti: come se ci avesse sempre conosciuti. È stata capace di scegliere cani che potessero darci emozioni ed affetto. Da parte loro c’è sempre stata attenzione ai nostri bisogni e alle esigenze dei cani, in modo che tutti potessimo ricevere il massimo da quell’incontro.

Ci ha emozionato a tal punto che non vediamo l’ora di poter ritornare. Se fossimo dei cani è proprio lì che vorremmo vivere, perché sappiamo che saremo rispettati, amati e curati, nonostante la nostra storia. È stato molto toccante quando Francesca ci ha raccontato le storie di alcuni cani che è riuscita a salvare da morte certa: Menphis, Boss, Lancillotto. Ne ha parlato talmente con empatia che ci ha coinvolto personalmente.

Se non si posso adottare i cani è possibile aiutarli con l’adozione a distanza. Inoltre, sono in cerca di volontari e invitiamo tutti a fare un’esperienza alla “Casa di Axel”, ne rimarrete affascinati. Un grande grazie a Francesca, Francesco e Luigi, continuate così, perché siete un trio raro ed eccezionale.

Loretta, Giovanna, Daniela, Alessandro

CONDIVIDI
Articolo precedenteCoronavirus 27 ottobre: 96 i nuovi contagi in provincia, due nelle scuole del Forlivese
Articolo successivoValbonesi: «Il sistema idrico romagnolo è anche una questione di metodo e di merito»
La comunicazione si conferma essere una funzione fondamentale nella vita di ogni essere umano e si può esprimere in diversi modi e forme di linguaggio. Un vettore di informazioni e comunicazioni è senza dubbio il web, con opportunità quali i blog o le pagine facebook in cui ognuno di noi può esporsi ed esporre all'esterno pensieri, opinioni o semplicemente commentare fatti avvenuti. Una RedAzione può aiutare a sviluppare o più semplicemente dare spazio a capacità e abilità di scrittura o fotografiche. Le modalità espressive varieranno in funzione dell'argomento, degli interessi o del destinatario dell'informazione, potranno essere: articoli, fumetti, vignette, critiche, interviste, video, foto e tutto quello che verrà in mente e che di volta in volta si riterrà più adatto. Il momento redazionale e di programmazione della redazione diventa uno dei modi con cui i ragazzi possono, oltre che ordinare e attribuire senso alle proprie esperienze, anche percepire attraverso relazioni sociali un possibile rapporto con gli altri, a sottolineare come l'individuo non dipenda solo dai propri sistemi di significato, ma anche dal suo rapporto con l'ambiente e con le persone con cui la sua vita si incrocia. L'idea è anche quella di far passare un messaggio chiaro all'esterno, la disabilità non parla solo di disabilità ma può aprirsi ed esprimersi su qualsiasi cosa faccia parte della vita: musica, sport e spettacolo sono solo alcuni degli argomenti che vorremmo trattare. Tutto questo avverrà in collaborazione con 4live, blog di informazione locale, gestito da Tommaso Di Lauro (giornalista iscritto all'albo).