Sai che gli alberi parlano

0

Titolo: Sai che gli alberi parlano. Genere: saggio. Autori: Kathe Rechein e Georg Bydinski.

Trama – È un saggio per far conoscere gli indiani d’America svelando la loro saggezza e la loro conoscenza della natura, mentre noi civilizzati li abbiamo sempre considerati selvaggi, senza capire il loro spirito e la loro anima. Gli autori hanno cercato di descriverli senza pregiudizi, motivando il loro bisogno di pregare, mentre ogni loro gesto o canzone testimonia una religiosità molto profonda e vissuta quotidianamente.
Si scopre anche un loro grande ed antico concetto della famiglia, dove un posto speciale viene dato agli anziani che appartengono a tutti, come anche i bambini sono sempre accuditi da tutta la tribù, come se fossero propri; è compito degli anziani tramandare le usanze e i valori alle generazioni successive.
Il libro è anche ricco di fotografie in bianco e nero molto belle che ritraggono le loro storie attraverso l’intensità dei volti. Inoltre è ricco di frasi che racchiudono valori importanti della vita che ci hanno così colpiti da riportarli interamente. Come ad esempio questa preghiera anonima di un guerriero: “Grande Spirito preservami dal giudicare un uomo, non prima di aver percorso un miglio nei suoi mocassini”.

Valutazione: ottima.
Commento – Il libro illustra in modo semplice la saggezza di un popolo antico che è stato sfruttato della propria storia e radici a tal punto da essere confinati nelle riserve e considerati di seconda categoria. Mentre la verità è che ci insegnano a considerare la natura circostante come una madre che ci nutre e non una matrigna, che ti parla e ti insegna a meditare sui valori fondamentali della vita a cominciare dai rapporti con gli altri uomini senza giudicarli. È stata, questa recensione molto difficile, perchè le nostre parole non sono sufficienti a rendere la profondità dei loro concetti e sentimenti.
A chi ne consigliamo la lettura e perchè – A chiunque voglia scoprire la verità su un popolo perseguitato dal cosiddetto mondo civilizzato che si è autodichiarato giudice e detentore della verità.

Note sugli autoriKathe Recheis è una scrittrice i cui libri per bambini e ragazzi hanno ottenuto numerosi premi internazionali. Il suo interesse per la cultura indiana risale al periodo dell’infanzia che l’ha portata a trascorrere molto tempo nel Nord America interessandosi particolarmente alle nuove scuole indiane. Georg Bydlinski (nato nel 1956 a Graz) è uno scrittore austriaco. Dopo aver studiato letteratura inglese e istruzione religiosa, Bydlinski vive come scrittore freelance a Mödling dal 1982. Nel 1990 è al Festival della letteratura in lingua tedesca a Klagenfurt. Ha scritto molti romanzi, libri per bambini e poesie, ha co-fondato una piccola casa editrice ed è un editore di antologie oltre che un traduttore.

Loretta, Giovanna

CONDIVIDI
Articolo precedenteConfartigianato organizza un approfondimento sul superbonus 110%
Articolo successivoPartiti i lavori di consolidamento di un movimento franoso a Valdonino
La comunicazione si conferma essere una funzione fondamentale nella vita di ogni essere umano e si può esprimere in diversi modi e forme di linguaggio. Un vettore di informazioni e comunicazioni è senza dubbio il web, con opportunità quali i blog o le pagine facebook in cui ognuno di noi può esporsi ed esporre all'esterno pensieri, opinioni o semplicemente commentare fatti avvenuti. Una RedAzione può aiutare a sviluppare o più semplicemente dare spazio a capacità e abilità di scrittura o fotografiche. Le modalità espressive varieranno in funzione dell'argomento, degli interessi o del destinatario dell'informazione, potranno essere: articoli, fumetti, vignette, critiche, interviste, video, foto e tutto quello che verrà in mente e che di volta in volta si riterrà più adatto. Il momento redazionale e di programmazione della redazione diventa uno dei modi con cui i ragazzi possono, oltre che ordinare e attribuire senso alle proprie esperienze, anche percepire attraverso relazioni sociali un possibile rapporto con gli altri, a sottolineare come l'individuo non dipenda solo dai propri sistemi di significato, ma anche dal suo rapporto con l'ambiente e con le persone con cui la sua vita si incrocia. L'idea è anche quella di far passare un messaggio chiaro all'esterno, la disabilità non parla solo di disabilità ma può aprirsi ed esprimersi su qualsiasi cosa faccia parte della vita: musica, sport e spettacolo sono solo alcuni degli argomenti che vorremmo trattare. Tutto questo avverrà in collaborazione con 4live, blog di informazione locale, gestito da Tommaso Di Lauro (giornalista iscritto all'albo).