restauro-della-facciata-di-Casa-Pettini-Giovannetti

Merita di essere segnalato l’ottimo lavoro di restauro effettuato sulla facciata di Casa Pettini Giovannetti, al numero 45 di corso Mazzini, a Forlì. L’intervento si è concluso da qualche settimana dando un nuovo volto, è il caso di sottolinearlo, all’edificio costruito nel 1847 su progetto dell’architetto Giacomo Santarelli (Forlì 1786-1859).

È di particolare rilievo l’elegante facciata – poche altre risultano armoniose come quella in questione – impreziosita da festoni e bassorilievi di Luigi Righi, uno scultore contemporaneo di Santarelli. Al pianterreno si può notare un bel porticato con due pilastri ai lati e colonne doriche al centro, mentre la trabeazione è scandita in fregi ed elementi quadrangolari, sporgenti, realizzati in cotto. Lesene con capitelli ionici e corinzi decorano anche i piani superiori, interrotti da una fascia con decori in terracotta che ricorrono anche sotto il cornicione.

Nel 2012, in occasione della stesura del libro “Forlì. Guida alla città”, che ho effettuato insieme a Marco Viroli, veniva messa in rilievo la necessità di un approfondito restauro conservativo perché il palazzo non versava in buone condizioni. Ora che questo è stato realizzato, su progetto dell’architetto Daniele Valentini, va preso come esempio anche per altre situazioni simili e va ringraziata pubblicamente la proprietà.

Gabriele Zelli

CONDIVIDI
Articolo precedentePresentazione del libro "La macchina dei prodigi" e la conferenza su Ulisse e Polifemo
Articolo successivoVagina tra mito e realtà: curiosità sull'organo femminile
Ex sindaco di Dovadola, classe 1953, dal 1978 al 1985 dipendente del Comune di Dovadola. Come volontario in ambito culturale è stato dal 1979 al 1985 responsabile della programmazione del Cinema Saffi e dell'Arena Eliseo di Forlì e dal 1981 al 1985. Coordinatore del Centro Cinema e Fotografia del Comune di Forlì. Nel giugno 1985 eletto Consigliere comunale e nell'ottobre 1985 nominato Assessore comunale di Forlì con deleghe alla cultura e allo sport. Da quell'anno ha ricoperto per 24 anni consecutivi il ruolo di amministratore dello stesso Comune assolvendo per tre mandati le funzioni di Assessore e per due a quella di Presidente del Consiglio comunale. Dirigente e socio di associazioni culturali, sociali e sportive presenti in città e nel comprensorio. Promotore di iniziative a scopo benefico. E' impegnato a valorizzare il patrimonio culturale, storico e artistico di Forlì e della Romagna. A tale scopo dal 1995 ha organizzato una media di oltre 80 appuntamenti annuali, promuovendo anche interventi di recupero del patrimonio architettonico di alcuni edifici importanti o delle loro parti di pregio. Autore di saggi e volumi, collabora con settimanali, riviste locali e romagnole. Dirigente dal 1998 di Legacoop di Forlì-Cesena in qualità di Responsabile del Settore Servizi. Nel 1997 è stato insignito dell'onorificenza di Cavaliere Ufficiale al Merito della Repubblica Italiana.