palestra-fitness

«Mai come in questo periodo occorre sostenere il mondo dell’associazionismo sportivo con provvedimenti finalizzati a sostenere palestre e tutti i club sportivi. Dispiace leggere come, sia stata data una mal informazione con una campagna mediatica diffamatoria sul mondo sportivo attraverso articoli allarmistici privi di ogni verità. È bene precisare che il settore del fitness, già profondamente provato in questi mesi di pandemia si è distinto per il rispetto e l’osservanza delle norme sanitarie. Lo sport coadiuvando tutto il sistema sanitario nazionale è un presidio medico, aumenta le difese immunitarie, basta consultare cardiologi, reumatologi, ortopedici, psichiatri per sapere quanto sia importante e vitale il movimento.

I protocolli vengono rispettati puntualmente e sono garantite le massime misure di sicurezza. In ragione di questo ci piacerebbe chiedere al Presidente Conte chi ha redatto una casistica dei controlli, che valenza scientifica hanno gli stessi per affermare che i protocolli non siano stati rispettati e quali siano le palestre che hanno controllato. Da maggio ad oggi l’incidenza dei contagi accertati nei club sportivi è pari a zero rispetto a strutture pubbliche o private o servizi pubblici come scuole, tram, autobus, treni ecc.
Come può pensare il Presidente Conte di chiudere un’intera filiera nel qual caso si trovassero inadempienti poche palestre? Se un supermercato non dovesse rispettare i protocolli di sicurezza non chiuderebbe l’intero comparto settoriale, chiediamo di avere i medesimi diritti delle altre attività lavorative.

Da considerare che la chiusura dei club inciderà su tutte le figure professionali di questo settore che sono oltre 120 mila in Italia. Il centro studi ha statisticamente dimostrato che gli effetti del Covid-19 hanno creato una caduta di Pil di oltre 7 miliardi nel mondo sportivo in maniera diretta, ma il recinto economico a rischio va ben oltre, perché comprende tutta la parte indiretta che segue a cascata il mondo sportivo… da chi produce vestiario e scarpe nel mondo dello sport, al food e alla catena del mondo alberghiero. La chiusura dei club comporterà difficoltà a 360 gradi, non solo si riverserà sulla salute degli italiani, ma inciderà su tutte le figure professionali. Questo significa mettere in crisi famiglie, città, regioni ed un’intera nazione. Chiediamo pertanto buon senso, di essere tutelati, e portati come esempi di professionalità, chiediamo di poter lavorare nel rispetto delle norme vigenti per la salute dei cittadini e l’economia di un paese».

Le palestre: Equilibrio spazio danza, Asd Geam, Volere e Potere, Punto Donna, Ateneo Danza, Palestra Officina asd , Squash Inn, Be active, Sport Planet, Bloc Station, Body Art, Centro Motus, Curves, Danza & Danza, Team Fitness, Form Fitness Boutique, Pro Fighting, Fitness Revolution, Jlab Faenza , Klub 39, Lepodistica ASD, Life proget, Wellfit, Lotofit, Vertical, Monkey UP, Forli Wellness, New Dance Studio, Edera Box Forlì asd , Officina 25, Fit & Joy, Overcome Sporting Club, New Club Sportman, Lotofit, Accadueo, Arena Fitness, Arte Danza & University, Punto Fit, Record Body Line, Crossfit Kiiro, New Gimn, Scuola Libertà, Cali Up, Yunity, Best Form, Palestra Energy, Palestra Buenavida, Relab, Crossfit47100, Free time.