Incontro-Comune-Acer-ottobre-2020

Il diritto alla residenza popolare – affermato attraverso il rispetto delle regole, dei luoghi e delle persone – rappresenta un punto centrale del programma dell’Amministrazione comunale di Forlì che, nei giorni scorsi, ha presentato ai cittadini, attraverso gli organi di informazioni, i principali dati del progetto “Case sicure”. L’attività è portata avanti in modo sinergico dall’Assessorato alla Sicurezza, dall’Assessorato al Welfare e dalla Polizia Locale insieme all’Azienda ACER.

Ci piace evidenziare che nelle ultime ore, dopo il nostro resoconto, abbiamo ricevuto attestazioni di interesse da parte di cittadini e istituzioni per quanto stiamo facendo, oltre a ringraziamenti da parte di numerosi inquilini, soprattutto anziani. Pensiamo che anche l’insieme di opinioni ed emozioni sia un ulteriore elemento positivo del progetto perché più si afferma il senso di sicurezza, migliori saranno le condizioni di vita nelle case popolari”.
Con queste parole il vicesindaco Daniele Mezzacapo e l’assessore al welfare Rosaria Tassinari ritornano sull’argomento per sottolineare il valore dell’aspetto relazionale.
È chiaro a tutti – continua Mezzacapo – che Case Sicure è una iniziativa basata sul rispetto e punta a evitare forme di uso ingiusto dei luoghi destinati alla residenza popolare e anche a determinare una situazione di rispetto e giustizia, garantendo a tutti condizioni adeguate di convivenza civile e a contrastare piccole e grandi forme di prepotenza, i comportamenti inappropriati, e il degrado”.

Dal punto di vista sociale, il progetto “Case Sicure” si fa garante di offrire disponibilità abitative a chi realmente ne ha bisogno, andando a rimuovere situazioni improprie.
Il numero di domande per l’assegnazione di alloggi Erp ci fa capire – evidenzia l’assessore al welfare Rosaria Tassinari – che nella nostra città esistono reali condizioni di difficoltà economica. Il nostro compito è cercare di dare risposte a queste necessità, e lo stiamo facendo adottando criteri di regolarità e giustizia. Obiettivo primario dell’Amministrazione comunale è recuperare i tanti alloggi sfitti con interventi diretti di ristrutturazione. Questo si accompagna alle somme che già il Comune ha varato per il sostegno ai canoni di locazione degli affitti privati”. Questi concetti sono stati ribaditi nel corso dell’ultimo incontro fra Comune e Acer che si è svolto nella sala della Giunta in Municipio.

CONDIVIDI
Articolo precedenteÈ morto Valerio Alpi
Articolo successivoCoronavirus 10 ottobre: 44 nuovi contagi a Forlì
Lo Staff comprende tutti i membri di 4live. Attivo fin dalla nascita di 4live (01.07.2011) ha lo scopo di comunicare tutte le informazioni e novità relative al nostro progetto.