Fanzinoteca d'Italia

Alla Fanzinoteca d’Italia 0.2 – Centro Nazionale Studi Fanzine arriva l’immancabile appuntamento annuale del “Open Doors, Every Door“. Nell’ambito delle attività fanzinotecarie targate 2020, dopo il notevole successo di riscontri positivi per la presentazione della Fanzinoteca italiana a Toronto, in Canada, questo fine settimana del 30-31 ottobre e 1 novembre vede organizzare la decima edizione per il “Open Doors, Every Door” con tre giornate informative rivolte alla presentazione delle tantissime novità in serbo per il futuro.

L’open day per la “Biblioteca delle Fanzine” a Forlì, rivolto ai fanzinari, appassionati e tutti gli interessati, è l’unico appuntamento tematico proposto sul territorio nazionale. Nelle aperture pomeridiane di venerdì, sabato e domenica, dalle ore 14,00 alle 18,00, dopo il precedente fine settimana già proposto con la Fumettoteca, lo Staff Fanzinoteca offrirà un momento “diverso ed esclusivo” in grado di mettere in gioco tutta la cultura sociale, partendo proprio da quella non ufficiale. Per mezzo dello “Smart Volunteering”, ovvero il “TeleVolontariato”, con il supporto di giovani volontari come Annalisa Zignani e Giuseppe Allegrini e grazie alle tecnologie, Internet in primis e alle nuove piattaforme di videocomunicazione la webcam e alle opportunità di comunicazioni evolute, l’attività fanzinotecaria prosegue con le esclusive proposte per tutta la cittadinanza forlivese. Per il pubblico partecipe in omaggio copie di fanzine, fino ad esaurimento.

In seguito al Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 25 ottobre, la Fanzinoteca d’Italia 0.2 si adegua ulteriormente e prosegue il proprio percorso socio-culturale, proprio con questa esclusiva proposta il grande pubblico potrà toccare con mano una realtà atipica ed impossibile da rintracciare in qualsiasi altro luogo d’Italia. L’esperto nazionale fanzinotecario Gianluca Umiliacchi, col supporto dello Staff Fanzinoteca e con le “Porte aperte, ogni porta” della sede, offrirà l’opportunità di far scoprire la produzione delle auto-edizioni fanzinare, la vera “stampa libera”; e scusate se è poco! Quindi un fine settimana che si prospetta interessante e ricco di opportunità presso la sede dell’unica fanzinoteca presente in Italia, in un contesto dove l’editoria fanzinara viene messa in mostra, con la sua dirompente passione e la mai inesaurita ricerca di confronto. Con l’apertura delle porte, si offre a tutti i fruitori un’occasione imperdibile per scoprire i segreti fanzinotecari con letture, domande e riflessioni per mezzo del notevole, prezioso ed unico patrimonio culturale presente.

CONDIVIDI
Articolo precedenteLa camminata di ForlìDante: "I cedri del Santo Pellegrino"
Articolo successivoMezzacapo: «La nostra Polizia Locale sarà dotata di BodyCam, le telecamere portatili»
Esperto e attento ricercatore dei linguaggi giovanili, in particolare modo il linguaggio veicolato dalla produzione dell'editoria indipendente giovanile, con alle spalle studi di Tecnico Operatore Sociale è da oltre un decennio impegnato nella ricerca, studio e lavoro inerente alla produzione dell'editoria fanzinara nazionale. Filologo e storico delle fanzine italiane è autore di varie pubblicazioni e numerosi articoli, saggi, cronologie e bibliografie diffuse su periodici ufficiali ed amatoriali, riviste specializzate e webzine, un operato che testimonia il suo interesse per lo studio, la ricerca e la documentazione relativa all'universo, agli autori e alla produzione fanzinara. A questi prodotti amatoriali realizzati dal 1977 al 1997 ha dato alle stampe il primo, e finora unico, lavoro di catalogazione pubblicato in Italia. Coordinatore e organizzatore, nonché docente, di Workshop, Corsi, Seminari rivolti al mondo dell’editoria fanzinara italiana, svoltisi con successo in varie città, eventi che hanno sempre riscosso notevole interesse da parte dei partecipanti.