crollo-ufficio-anagrafe

«Le critiche mosse dall’ex consigliere Zanetti in merito alle scelte operate dalla attuale Aamministrazione, appaiono offuscate dall’affanno di esprimere contrapposizioni ad ogni costo, evidenziando una oggettiva superficialità di analisi. Laddove Zanetti sollevi la precedente Giunta in merito alle responsabilità in merito al cedimento strutturale occorso negli uffici dell’anagrafe, sostenendo che dopo un anno l’attuale assessore al patrimonio avrebbe dovuto già essere in grado di valutare le condizioni di solidità degli edifici, assolvendo tutti predecessori, dall’altro avanza la tesi che dopo oltre trent’anni di abbandono, incuria e degrado, non sia ancora una priorità affrontare un reimpiego dell’area dell’ex Eridania.

Probabilmente l’ex consigliere non ha mai avuto modo di ascoltare il parere e le rimostranze dei commercianti e residenti che affacciano sulle zone prospicienti l’area industriale dismessa che purtroppo è spesso diventata ricovero di senzatetto o piazza di traffici illeciti. Ricordo nel merito delle alternative di priorità suggerite da Zanetti che laddove egli fosse assente nella seduta del 26 giugno 2018, dove l’Amministrazione che sosteneva decise, ad esempio, di assegnare fondi all’asilo Santarelli, piuttosto che eventualmente ristrutturare l’ex sede dei Vigili Urbani e trasferire la pinacoteca o la collezione Piancastelli, fu fatta una scelta che ha obbligato i successori.

Capitolo a parte invece la vicenda del Monastero della Ripa che è andata ormai oltre il grottesco se non si trattasse di un patrimonio del FAI, ceduto nel 1999 dal Ministero della Difesa che ha subito un abbandono e successivamente un degrado che attualmente richiederebbe risorse per riaprirlo al pubblico che probabilmente potrebbero sostenere solo dei fondi europei. In ogni caso è palese che l’attuale Giunta sta realizzando in termini infrastrutturali ed architettonici, soluzioni di spazi e fruibilità, rivalutando un patrimonio cittadino, occultato dalle evidenti incapacità dei predecessori.

Permettersi il lusso, in questo quadro, quale ex consigliere si suggerire delle priorità, ricorda i versi di una famosa canzone di De Andre che recitava “ la gente dà buoni consigli, quando non può più dare cattivo esempio”.

Raffaele Acri di Forza Italia