Terza giornata del Festival “Colpi di scena”

0

Colpi di scena” Biennale di Teatro Contemporaneo per Ragazzi e Giovani organizzata da Accademia Perduta/Romagna Teatri con la collaborazione del Comune di Forlì giunge, giovedì 24 settembre, alla sua terza giornata di lavori.

Al Teatro Il Piccolo di Forlì, alle ore 9,30, la giovane formazione Progetto g.g., sostenuta da Accademia Perduta, presenta lo spettacolo Le Nid (Il nido) di Consuelo Ghiretti e Francesca Grisenti. Una casa bianca, posto stabile e sicuro, luogo di sicurezze. Chi la abita conosce la tranquillità del rituale che si ripete, del “nulla di storto può accadere”. Ma un giorno nella casa arriva chi non si aspetta, arriva un “altro”, che destabilizza ma che è anche novità e magia. L’incontro tra due mondi diversi diventa occasione di scoperta e di scambio, di insegnamento e apprendimento…

Seguirà, alle ore 11,00 al Teatro San Luigi, Danilo Conti della compagnia TCP Tanti Cosi Progetti con Chi ha paura di Denti di ferro? Una fiaba della tradizione popolare delle storie di magia con tutti i suoi tratti caratteristici: la strega che vive nel fitto di un bosco; i bimbi che, incauti, sono attratti dalla curiosità di scoprire se esista veramente e che vengono avvertiti del pericolo, ma decidono lo stesso di perlustrare il bosco. È naturale, i bambini hanno bisogno di esplorare e di vivere l’esperienza della scoperta. Una scoperta che, affrontata con intelligenza, furbizia e spirito, li può far crescere.

Alle ore 14,30, al Teatro Testori, la Compagnia Nando e Maila presenterà Sonata per tubi. Cantato e suonato dal vivo, Sonata per tubi è uno spettacolo di circo contemporaneo che ricerca le possibilità musicali di oggetti ed attrezzi di circo, trasformandoli in strumenti musicali attraverso l’ingegno e l’uso della tecnologia.

Il Teatro Diego Fabbri ospiterà poi, alle ore 16,00 La stella nascosta, co-produzione di Fondazione Nazionale della Danza/Aterballetto e Accademia Perduta/Romagna Teatri. Uno spettacolo coreutico pensato per i bambini, una creazione incentrata sul tema della bellezza, di come questo concetto viene interpretato dai piccoli, che porta le firme del drammaturgo Simone Giorgi e del coreografo Saul Daniele Ardillo.