Il giovane Pertini: combattente per la libertà

0

Titolo: Il giovane Pertini: combattente per la libertà. Genere: autobiografico. Regista: Gianbattista Assani.

Trama – Il film narra gli anni giovanili del futuro presidente della Repubblica vissuti sotto la violenta dittatura fascista, tra persecuzioni,esilio, prigione e la sua lotta partigiana di oppositore politico, quale socialista,che asssieme ai comunisti uniti combattevano per liberare l’Italia dal regime.
Pertini crede talmente nel socialismo da farne una fede politica. Attraverso le sue lettere scritte alla madre Maria e alla fidanzata Matilde, si capisce quanto tenga alla lotta che sta portando avanti. Tanto da dissociarsi dalla domanda di Grazia richiesta dalla madre per i suoi motivi di salute e da lasciare libera la fidanzata di costruirsi la sua vita, risparmiandole disagi e sacrifici derivati dai suoi ideali politici. La sua prigionia dura oltre 10 anni nei carceri piu’ duri, dal 1929 al 1943, incontrando alcuni direttori carcerari fascisti, che provano a farlo crollare come uomo.

Ma lui, determinato e forte della sua integrità morale, resiste e riesce a pensare anche agli altri compagni di prigionia, quali Gramsci e Saragat. La madre in questo periodo è sostenuta da una grande fede che la fa aspettare con fiducia la liberazione del figlio. Anche una volta fuori dal carcere, dopo la caduta del fascismo, continua a lottare per il bene dell’Italia, cercando di mettersi sempre in discussione con la speranza di fare il bene del paese; prima di tutto.
Il film termina con la sua voce che leggendo il suo diario, afferma: “Non so se sono riuscito a fare il bene delle patria, ma almeno ci ho provato”. Vi consigliamo di vederlo perchè è davvero un film di valore.

Giovanna e Loretta

CONDIVIDI
Articolo precedenteInaugurata la nuova sede dell’Istituto Professionale Ruffilli Indirizzo Agrario
Articolo successivoCoronavirus 13 settembre: due nuovi contagi a Forlì
La comunicazione si conferma essere una funzione fondamentale nella vita di ogni essere umano e si può esprimere in diversi modi e forme di linguaggio. Un vettore di informazioni e comunicazioni è senza dubbio il web, con opportunità quali i blog o le pagine facebook in cui ognuno di noi può esporsi ed esporre all'esterno pensieri, opinioni o semplicemente commentare fatti avvenuti. Una RedAzione può aiutare a sviluppare o più semplicemente dare spazio a capacità e abilità di scrittura o fotografiche. Le modalità espressive varieranno in funzione dell'argomento, degli interessi o del destinatario dell'informazione, potranno essere: articoli, fumetti, vignette, critiche, interviste, video, foto e tutto quello che verrà in mente e che di volta in volta si riterrà più adatto. Il momento redazionale e di programmazione della redazione diventa uno dei modi con cui i ragazzi possono, oltre che ordinare e attribuire senso alle proprie esperienze, anche percepire attraverso relazioni sociali un possibile rapporto con gli altri, a sottolineare come l'individuo non dipenda solo dai propri sistemi di significato, ma anche dal suo rapporto con l'ambiente e con le persone con cui la sua vita si incrocia. L'idea è anche quella di far passare un messaggio chiaro all'esterno, la disabilità non parla solo di disabilità ma può aprirsi ed esprimersi su qualsiasi cosa faccia parte della vita: musica, sport e spettacolo sono solo alcuni degli argomenti che vorremmo trattare. Tutto questo avverrà in collaborazione con 4live, blog di informazione locale, gestito da Tommaso Di Lauro (giornalista iscritto all'albo).