Cena-sospesa

I Lions Club Forlì Host, Forlì Valle del Bidente, Giovanni de’ Medici, Forlì Cesena Terre di Romagna e il Leo Club Forlì unitamente ai sodalizi Lions di Cesena, del Rubicone e della Valle del Savio, in collaborazione con le Caritas delle diocesi di Forlì-Bertinoro, di Cesena-Sarsina e di Rimini, avvieranno, nel corso dei prossimi giorni, davanti a 15 supermercati, una raccolta di generi alimentari e di altri prodotti da destinare a famiglie bisognose del territorio.

A Forlì le attività commerciali che hanno aderito all’appello umanitario sono i tre supermercati Conad siti in piazza Falcone e Borsellino 2, in via Bengasi 51, via Vassura 38 e in via Regnoli 86, ai quali va aggiunto il nuovo punto vendita Aldi di via Bertini 99. A Predappio i volontari saranno davanti al Conad di via IV Novembre 16/A. Nella città di Cesena si registra la disponibilità di un altro punto vendita Conad di Ponteabbadesse, piazzale Bessarione 99, oltre ai supermercati Famila di Torre del Moro, via Annalena Tonelli 200 e EccoMi in via Romea 11.

A Savignano sul Rubicone i punti di raccolta saranno posizionati all’Iper Shopping Center, piazza Cristoforo Colombo 3, e al Conad, via della Pietà angolo via Rio Salto. Altri presidi dei volontari Lions e della Caritas saranno a disposizione di chi vuole fare una donazione presso Famila, via del Mulino 14, San Mauro Mare, Conad City, via Don Milani 17, Bellaria, Famila, via Buozzi 77, Gambettola, e Conad, via Battistini 3, San Piero in Bagno.

Nel corso della presentazione dell’iniziativa benefica Foster Lambruschi, presidente Lions della Zona A della II Circoscrizione, ha evidenziato che: “Una lunga crisi economica che perdura da oltre 10 anni e il suo incremento causato dall’emergenza sanitaria legata alla diffusione del Covid-19 stanno facendo aumentare il numero dell e famiglie in stato di necessità. La crisci colpisce soprattutto chi già viveva situazioni di difficoltà o di fragilità, ma si creando situazioni di povertà che coinvolgono nuove categorie di persone fragili e vulnerabili a causa della perdita o della sospensione del lavoro durante l’attuale emergenza sanitaria. Si registra inoltre un aumento nelle segnalazioni dei problemi di occupazione e lavoro, di quelli economici, di un incremento dei problemi familiari, di salute, anche in termini di disagio psicologico e psichico, e in termini abitativi“.

Tale situazione è stata confermata da Filippo Monari, direttore della Caritas di Forlì-Bertinoro: “Oltre alle povertà già censite in questo tempo è emerso il bisogno di accogliere e far fronte alle nuove problematiche inattese rilevate a causa dell’emergenza Covid-19 in cui si sono imbattuti nuclei familiari con situazioni già precarie che sono precipitate drasticamente; anche famiglie che precedentemente percepivano un reddito, riuscendo a sopperire alle proprie esigenze in modo autonomo, in questo momento si sono trovate costrette a chiedere un sostegno ai nostri centri di ascolto. Si sono aggiunte anche nuove categorie di persone fragili e vulnerabili a causa maggiormente della perdita o della sospensione del lavoro durante l’attuale emergenza sanitaria. Si registra inoltre un aumento nelle segnalazioni dei problemi di occupazione/lavoro, di quelli economici, di un incremento dei problemi familiari, di salute, anche in termini di disagio psicologico e psichico, e in termini abitativi“.

Aggiunge Francesco Covarelli, responsabile del coordinamento del service “Compra qualcosa in più – Dona la spesa alle famiglie in difficoltà“. “È noto che negli ultimi mesi si registra un aumento rispetto alle normali richieste di beni e servizi materiali, in particolare cibo e beni di prima necessità, con una maggiore domanda di pasti, sussidi e aiuti economici, supporto nella spesa e altro. Ed è per questo che come Club Lions della Zona A della II Circoscrizione abbiamo ideato un progetto per contribuire concretamente. Nei giorni di sabato 26 settembre, 31 ottobre e 12 dicembre 2020 chiederemo ai clienti dei supermercati che hanno aderito all’iniziativa di acquistare uno o più di questi prodotti alimentari da lasciare all’uscita ai volontari Lions e Caritas: pasta, olio, zucchero, riso, pelati, salsa di pomodoro, fette biscottate, cracker, farina, caffè, thè in bustine, marmellata, omogeneizzati, tonno e legumi in scatola. Chiederemo di fare la stessa cosa con prodotti vari, tipo: dentifricio, detersivo per i panni e per i piatti, shampoo, sapone liquido, saponette, pannolini per bimbo, assorbenti donna“.

Nell’occasione Claudio Cortesi, presidente della II Circoscrizione, ha specificato che l’iniziativa promossa si inserisce nell’ambito del progetto nazionale lionistico: “Lavoro, famiglia, nuove povertà“, che fa leva sul potenziale di competenze e di relazioni di tutti i soci Lions italiani per metterlo a disposizione delle comunità locali per affrontare i problemi dei più bisognosi. Per informazioni 3493737026.

CONDIVIDI
Articolo precedenteRaccolti quasi 8.000 euro per aiutare Giulia Centonze
Articolo successivoVitali: "Proclamazione in Comune degli studenti forlivesi laureatesi on line nel lockdown"
Ex sindaco di Dovadola, classe 1953, dal 1978 al 1985 dipendente del Comune di Dovadola. Come volontario in ambito culturale è stato dal 1979 al 1985 responsabile della programmazione del Cinema Saffi e dell'Arena Eliseo di Forlì e dal 1981 al 1985. Coordinatore del Centro Cinema e Fotografia del Comune di Forlì. Nel giugno 1985 eletto Consigliere comunale e nell'ottobre 1985 nominato Assessore comunale di Forlì con deleghe alla cultura e allo sport. Da quell'anno ha ricoperto per 24 anni consecutivi il ruolo di amministratore dello stesso Comune assolvendo per tre mandati le funzioni di Assessore e per due a quella di Presidente del Consiglio comunale. Dirigente e socio di associazioni culturali, sociali e sportive presenti in città e nel comprensorio. Promotore di iniziative a scopo benefico. E' impegnato a valorizzare il patrimonio culturale, storico e artistico di Forlì e della Romagna. A tale scopo dal 1995 ha organizzato una media di oltre 80 appuntamenti annuali, promuovendo anche interventi di recupero del patrimonio architettonico di alcuni edifici importanti o delle loro parti di pregio. Autore di saggi e volumi, collabora con settimanali, riviste locali e romagnole. Dirigente dal 1998 di Legacoop di Forlì-Cesena in qualità di Responsabile del Settore Servizi. Nel 1997 è stato insignito dell'onorificenza di Cavaliere Ufficiale al Merito della Repubblica Italiana.