Bentivogli: «Il dibattito sulla variante di via Balzella è stato un confronto democratico»

0

Rispondendo alla considerazione fatta sui quotidiani dal consigliere Morgagni vorrei sottolineare che all’incontro pubblico di giovedì sera nel salone comunale con oggetto la variante di via Balzella erano presenti un centinaio di persone, rispettando le normative anti assembramento, e quello a cui abbiamo assistito è stato un confronto aperto, democratico e soprattutto chiarificatore alle tante domande, quasi venti, che hanno permesso al confronto di porsi in una posizione di ascolto, analisi e approfondimento” commenta Albert Bentivogli della Lega.

Dopo una profonda, attenta e precisa spiegazione del vicesindaco Mezzacapo – continua l’esponente del Carroccio – con tanto di slides su tutto il progetto che verrà discusso in consiglio comunale si sono tenuti diversi interventi tra cui associazioni di categoria ed esperti che hanno portato il dibattito su un piano di confronto democratico. Vorrei ricordare al consigliere che se in un confronto aperto alla città ci sono cittadini che non la pensano come il gruppo che lui rappresenta non significa che ci sia dietro un gruppo si supporter organizzato, che tra l’altro applaudiva al termine degli interventi in modo composto ed educato, ma è semplicemente una gran parte della città che la pensa diversamente dal suo pensiero“.

Anzi proprio i capigruppo dell’opposizione Morgagni e del Partito democratico Alemani in tante occasioni durante la serata hanno tenuto atteggiamenti di ultras da stadio con urla, fischi e sfottò durante gli interventi da loro considerati superflui. Veri e propri atteggiamenti infantili. Mi dispiace per i capigruppo di sinistra ma i tempi della vera democrazia sono finalmente arrivati e capisco che abituarsi a confronti con opinioni diverse e aperte non sia facile per chi ha sempre governato senza nulla chiedere alla città e ai suoi abitanti. Cara opposizione di sinistra i tempi della “pro domo sua” sono terminati” conclude Albert Bentivogli.