Becoming. La mia storia

0

Titolo: “Becoming. La mia storia”. Genere: autobiografico. Autrice: Michelle Obama.

Trama – È la storia di Michelle Robinson Obama, moglie di Barack Obama. Racconta gli otto anni vissuti come First Lady del primo presidente di colore americano; con tutte le difficoltà e le soddisfazioni che questo ruolo ha comportato.
Il libro inizia con il racconto della sua infanzia. In particolare descrive il suo rapporto con il padre, iscritto al partito democratico e fondamentale nel suo percorso di crescita per gli insegnamenti ricevuti. Ancora oggi nei suoi incontri con le giovani generazioni si impegna a trasmettere l’essere sempre coerente con se stessi senza scendere mai a compromessi che sminuiscono la propria personalità ed essere sempre orgogliosi del colore della propria pelle, al di là di quello che possono pensare gli altri. È con questi principi che svolge la sua attività di donna afroamericana avvocato ed è proprio sul luogo di lavoro che incontra Barack Obama: all’epoca suo tirocinante. Dopo un lungo periodo di corteggiamento, in quanto all’inizio lei non si sentiva in sintonia con lui, conoscendosi meglio decidono di iniziare a frequentarsi e poi di sposarsi. Quando lui entra in politica, Michelle lo aiuta nella campagna elettorale, tanto da essere lei ad inventare il famoso motto “yes we can”. Barack Obama non ha mai nascosto il fatto che il supporto ricevuto dalla moglie è stato fondamentale per raggiungere la presidenza degli Stati Uniti d’America. Michelle ha sempre affermato di non amare il mondo politico e di aver accettato di farne parte per amore del marito e dell’America. Infatti, lei definisce la Casa Bianca “una bellissima prigione dorata”, dove tutto è scandito da orari e regole. Durante la loro permanenza alla Casa Bianca, perciò cerca di renderlo un ambiente il più possibile normale nel quale far crescere le loro figlie Malia Ann e Natasha. Alle quali ricorda che tutti i privilegi e le comodità della vita presidenziale un giorno finiranno e le loro vite devono rimanere il più possibile normali.
Michelle afferma che se da una parte è stato bello essere la first lady è però felice di essere tornata libera di gestire il proprio tempo. Adesso gira il mondo insegnando, soprattutto alle ragazze, di studiare e di non smettere mai di credere nel futuro e nei propri sogni.

Valutazione: ottima.
Commento: È la storia di una grande donna semplice, ma caparbia e determinata nell’affermare ed aiutare le donne a credere sempre nella propria dignità femminile e nei propri sogni.

A chi ne consigliamo la lettura e perchè. A tutte quelle ragazze che hanno bisogno della spinta decisiva per credere che si ha il diritto di sognare in grande. Leggendolo scopriranno che è possibile credere nei propri ideali, anche se a volte può costare fatica.

Note sull’autrice. Michelle Robinson, avvocato ex First Lady dal gennaio 2009 al gennaio 2017, moglie di Barack Obama nasce a Chicago il 17 gennaio 1964 figlia di un impiegato comunale iscritto al partito democratico e di una segretaria. Ha un fratello allenatore di pallacanestro, Sposata nel 1992 ha due figlie Malia Ann e Natasha.

Loretta e Giovanna

CONDIVIDI
Articolo precedenteFinalmente dopo 7 mesi la Rinascita dell'Unieuro
Articolo successivoOsteria La Casetta a Fiumana
La comunicazione si conferma essere una funzione fondamentale nella vita di ogni essere umano e si può esprimere in diversi modi e forme di linguaggio. Un vettore di informazioni e comunicazioni è senza dubbio il web, con opportunità quali i blog o le pagine facebook in cui ognuno di noi può esporsi ed esporre all'esterno pensieri, opinioni o semplicemente commentare fatti avvenuti. Una RedAzione può aiutare a sviluppare o più semplicemente dare spazio a capacità e abilità di scrittura o fotografiche. Le modalità espressive varieranno in funzione dell'argomento, degli interessi o del destinatario dell'informazione, potranno essere: articoli, fumetti, vignette, critiche, interviste, video, foto e tutto quello che verrà in mente e che di volta in volta si riterrà più adatto. Il momento redazionale e di programmazione della redazione diventa uno dei modi con cui i ragazzi possono, oltre che ordinare e attribuire senso alle proprie esperienze, anche percepire attraverso relazioni sociali un possibile rapporto con gli altri, a sottolineare come l'individuo non dipenda solo dai propri sistemi di significato, ma anche dal suo rapporto con l'ambiente e con le persone con cui la sua vita si incrocia. L'idea è anche quella di far passare un messaggio chiaro all'esterno, la disabilità non parla solo di disabilità ma può aprirsi ed esprimersi su qualsiasi cosa faccia parte della vita: musica, sport e spettacolo sono solo alcuni degli argomenti che vorremmo trattare. Tutto questo avverrà in collaborazione con 4live, blog di informazione locale, gestito da Tommaso Di Lauro (giornalista iscritto all'albo).