Fumettoteca scultura Diabolik

Nella seconda edizione della manifestazione “DDD – DamnDaringDiabolik”, per mezzo dell’invito generale all’iniziativa “Presenta il tuo Diabolik”, stanno giungendo alla Fumettoteca Alessandro Callegati “Calle” opere artistiche dedicate al nero re del terrore, provenienti da tutto il mondo. È in questo contesto che l’ampiezza e globalizzazione d’azione, magistralmente messa in campo dallo staff Fumettoteca, viene espressa con notevole successo anche attraverso la partecipazione di tanti artisti, italiani e stranieri, come appunto Tamas Podhraczky, ungherese, con la sua scultura “Diabolik”.

Podhraczky autore scultore residente a Bologna, annovera studi all’Istituto d’Arte di Szeged e all’Accademia di Belle Arti di Budapest oltre ad essere anche vincitore del Premio Barcsay in anatomia umana. Scultore e modellatore, anche di miniature e figure su piccola scala, dal 2018 è impegnato in un contesto artistico che lo vede tornare ad uno stile più classico e tradizionale unito al suo personale approccio naturale. La splendida scultura diabolika di Podhraczky, realizzata appositamente per “DDD – DamnDaringDiabolik 2020” nell’evento “Presenta il tuo Diabolik”, è stata modellata in terracotta, materiale naturale, proprio per scelta dell’artista che ne testimonia la ricerca dell’elemento originario alla natura, oltre a rappresentare il rispetto per l’ambiente. Un opera in grado di mostrare, attraverso la fisionomia espressa dalla caratterizzazione posturale ed espressiva, una sconvolgente “tridimensionalità” del personaggio fumettistico, per mano dell’artista Diabolik prende forma e, ad una attenta osservazione, appare in posa pronto a muoversi da un momento all’altro.

L’evento “Presenta il tuo Diabolik”, uno dei tanti proposti dalla Manifestazione “DDD – DamnDaringDiabolik 2020” che, per quest’anno, vede al suo attivo 7 mostre, 4 incontri e 2 pubblicazioni, è un invito aperto e pubblico per tutti gli interessati di concretizzare, con qualsiasi tecnica e qualsiasi materiale, l’idea del “proprio Diabolik”. In questo modo il personaggio oscuro viene espresso attraverso sculture, fotografie, xilografie, mail-art, ecc. tutti pezzi artistici che si trovano esposti in sede fumettotecaria con una mostra continuativa ed in ampliamento. Mantenendo tutte le attività e i servizi fumettotecari, realizzati in veste di volontariato, in linea al Protocollo sanitario di regolamentazione sulle misure per il contrasto e il contenimento della diffusione del virus covid-19, grazie anche i dispositivi per garantire la massima sicurezza sanitaria agli utenti e agli operatori, prosegue con successo, molti riscontri positivi, l’Estate Diabolika di Forlì.

Per il secondo anno la manifestazione propone al grande pubblico esposizioni di mostre, opere artistiche e albi speciali tutto dedicato al nero Re del Terrore, sia con allestimenti virtuali che in sede. Tra le varie proposte, interessante la mostra “Diabolika Passione” e ancor di più per “Diabolik e il mare”, che si trova per la prima volta dopo 10 anni alla Fumettoteca, realizzazione eseguita per la prima edizione di un’estate Diabolika a Cervia, la manifestazione ideata, programmata, realizzata e diretta dalla Fanzinoteca nel 2010.

CONDIVIDI
Articolo precedenteConcerto all’alba: al parco urbano va in scena Flower Power
Articolo successivo"Lo sport fa Centro"
Esperto e attento ricercatore dei linguaggi giovanili, in particolare modo il linguaggio veicolato dalla produzione dell'editoria indipendente giovanile, con alle spalle studi di Tecnico Operatore Sociale è da oltre un decennio impegnato nella ricerca, studio e lavoro inerente alla produzione dell'editoria fanzinara nazionale. Filologo e storico delle fanzine italiane è autore di varie pubblicazioni e numerosi articoli, saggi, cronologie e bibliografie diffuse su periodici ufficiali ed amatoriali, riviste specializzate e webzine, un operato che testimonia il suo interesse per lo studio, la ricerca e la documentazione relativa all'universo, agli autori e alla produzione fanzinara. A questi prodotti amatoriali realizzati dal 1977 al 1997 ha dato alle stampe il primo, e finora unico, lavoro di catalogazione pubblicato in Italia. Coordinatore e organizzatore, nonché docente, di Workshop, Corsi, Seminari rivolti al mondo dell’editoria fanzinara italiana, svoltisi con successo in varie città, eventi che hanno sempre riscosso notevole interesse da parte dei partecipanti.