Ultime ore per firmare la petizione perchè la Beata Benedetta Bianchi Porro diventi la patrona

0

Si potrà firmare fino a sabato 8 agosto la petizione per chiedere che Benedetta Bianchi Porro diventi patrona di Dovadola. Il documento sottoscritto dai dovadolesi sarà consegnato ufficialmente a mons. Livio Corazza e al sindaco Francesco Tassinari al termine della celebrazione della Santa Messa, in programma alle 18,30 dello stesso giorno, ricorrendo l’anniversario della nascita della Beata, presso il parco adiacente all’abbazia di Sant’Andrea (La Badia).

La petizione, che sarà possibile sottoscrivere anche prima dell’inizio della funzione, avvierà di fatto le relative procedure, sia quella religiosa e sia quella civile, per far si che il 23 gennaio di ogni anno, anniversario della morte di Benedetta, diventi giorno di festa per tutta la collettività di Dovadola. Non a caso per l’organizzazione degli appuntamenti in programma l’8 agosto la parrocchia, retta da don Saverio Licari, e la Diocesi hanno coinvolto le principali realtà dovadolesi: Amministrazione comunale, Protezione Civile, Pro Loco, Gruppo di preghiera di Montepaolo. Al termine della messa dell’8 agosto, dopo un momento di convivialità, seguirà una breve presentazione del libro “Benedetta Bianchi Porro apostola dei giovani” di Luca Vitali e Cristina Emiliani, con prefazioni di Maria Grazia Bolzoni e di Luigi Maria Epicoco, edito dalla Diocesi di Forlì-Bertinoro. Insieme agli autori interverrà il vicario generale mons. Pietro Fabbri.

Il volume è nato dal desiderio di raggiungere i giovani e quanti si occupano di pastorale giovanile che hanno a cuore il loro cammino e la scoperta della loro missione nel mondo.
Padre Luca Vitali e Cristina Emiliani raccontano la vita della beata facendo emergere lo stile del suo apostolato centrato nella relazione, nella sua ricerca di amicizie autentiche e nel suo amore verso quanti cercavano Dio: giovani, amici, ma anche sconosciuti, rivolgendo un un’attenzione speciale soprattutto a quanti vivevano situazioni di sofferenza. Dalle pagine del libro si coglie come Benedetta abbia anticipato i tratti della chiesa che Papa Francesco vorrebbe oggi: povera e con i giovani!
Seguirà l’anteprima dello spettacolo dedicato a Benedetta proposto dalla “Compagnia Quelli della Via” che ha già realizzato il musical “Un fiore nel deserto” su Annalena Tonelli, che ha ottenuto molti consensi e un notevole successo.

CONDIVIDI
Articolo precedenteAl chiostro del San Domenico il baritono Bragonzi Bignami e la pianista Silvestrini
Articolo successivoCalo dei consumi: più di due italiani su tre non hanno ancora consumato un pasto fuori casa
Ex sindaco di Dovadola, classe 1953, dal 1978 al 1985 dipendente del Comune di Dovadola. Come volontario in ambito culturale è stato dal 1979 al 1985 responsabile della programmazione del Cinema Saffi e dell'Arena Eliseo di Forlì e dal 1981 al 1985. Coordinatore del Centro Cinema e Fotografia del Comune di Forlì. Nel giugno 1985 eletto Consigliere comunale e nell'ottobre 1985 nominato Assessore comunale di Forlì con deleghe alla cultura e allo sport. Da quell'anno ha ricoperto per 24 anni consecutivi il ruolo di amministratore dello stesso Comune assolvendo per tre mandati le funzioni di Assessore e per due a quella di Presidente del Consiglio comunale. Dirigente e socio di associazioni culturali, sociali e sportive presenti in città e nel comprensorio. Promotore di iniziative a scopo benefico. E' impegnato a valorizzare il patrimonio culturale, storico e artistico di Forlì e della Romagna. A tale scopo dal 1995 ha organizzato una media di oltre 80 appuntamenti annuali, promuovendo anche interventi di recupero del patrimonio architettonico di alcuni edifici importanti o delle loro parti di pregio. Autore di saggi e volumi, collabora con settimanali, riviste locali e romagnole. Dirigente dal 1998 di Legacoop di Forlì-Cesena in qualità di Responsabile del Settore Servizi. Nel 1997 è stato insignito dell'onorificenza di Cavaliere Ufficiale al Merito della Repubblica Italiana.