Sommelier

0

Titolo: Sommelier. Titolo originale “Uncorked”. Regista: Prentice Penny con Mamoudou Athie e Courtney B. Vance. Genere: drammatico. Usa, durata 104 min. Anno 2020.

Trama – Il film tratta il difficile argomento del rapporto padre-figlio. Elijha vuole realizzare il suo sogno di diventare sommelier. Suo padre, invece, vorrebbe che lo aiutasse a portare avanti l’attività di famiglia. Inizialmente, a mantenere vivo il rapporto tra i due c’è la figura della madre che fa da mediatrice. Grazie a lei, e alla famiglia da lei coinvolta, il ragazzo riesce a iscriversi ad un corso di sommelier e trovare i soldi per andare a Parigi e approfondire gli studi. Durante la sua permanenza a Parigi, la madre ai riammala e muore.
Proprio a causa di questa morte e per l’affetto che li legava a lei, padre e figlio riescono a riavvicinarsi e cominciano a cercare un dialogo tra di loro. Il ragazzo vedendo il padre rimasto solo a gestire il ristorante, decide di mettere da parte il suo sogno per aiutarlo nell’attività. Il padre, a sua volta, aiuta Elijha a studiare e lo accompagna a sostenere l’esame finale. Esame che non riesce, in parte, a superare. Alla fine il ragazzo capisce che il desiderio di diventare sommelier è troppo forte e ricomincia a studiare: questa volta finalmente con l’approvazione del padre.

Valutazione: ottima (4/5 faccine)
Commento – Il regista è stato bravo ad affrontare un tema complesso come il rapporto tra due generazioni e lo fa in maniera leggera, delicata, realistica. Ci insegna come l’affetto reciproco possa essere una solida base per creare un rapporto e renderlo forte.
A chi ne consigliamo la visione e perchè: a chi sta vivendo una situazione difficile di rapporto generazionale al fine di trovare degli spunti interessanti per cercare di superarla.

Loretta, Giovanna, Daniela

CONDIVIDI
Articolo precedenteInaugurata "Roccambolesca"
Articolo successivoDebora Villa in "Venti di risate" all'Arena San Domenico
La comunicazione si conferma essere una funzione fondamentale nella vita di ogni essere umano e si può esprimere in diversi modi e forme di linguaggio. Un vettore di informazioni e comunicazioni è senza dubbio il web, con opportunità quali i blog o le pagine facebook in cui ognuno di noi può esporsi ed esporre all'esterno pensieri, opinioni o semplicemente commentare fatti avvenuti. Una RedAzione può aiutare a sviluppare o più semplicemente dare spazio a capacità e abilità di scrittura o fotografiche. Le modalità espressive varieranno in funzione dell'argomento, degli interessi o del destinatario dell'informazione, potranno essere: articoli, fumetti, vignette, critiche, interviste, video, foto e tutto quello che verrà in mente e che di volta in volta si riterrà più adatto. Il momento redazionale e di programmazione della redazione diventa uno dei modi con cui i ragazzi possono, oltre che ordinare e attribuire senso alle proprie esperienze, anche percepire attraverso relazioni sociali un possibile rapporto con gli altri, a sottolineare come l'individuo non dipenda solo dai propri sistemi di significato, ma anche dal suo rapporto con l'ambiente e con le persone con cui la sua vita si incrocia. L'idea è anche quella di far passare un messaggio chiaro all'esterno, la disabilità non parla solo di disabilità ma può aprirsi ed esprimersi su qualsiasi cosa faccia parte della vita: musica, sport e spettacolo sono solo alcuni degli argomenti che vorremmo trattare. Tutto questo avverrà in collaborazione con 4live, blog di informazione locale, gestito da Tommaso Di Lauro (giornalista iscritto all'albo).