La Fumettoteca Callegati festeggia la giornata mondiale del gatto

0

A Forlì la Fumettoteca Alessandro CallegatiCalle” aderisce, sabato 8 agosto, all’iniziativa mondiale del “International Cat Day” 2020, con una proposta espositiva online dal titolo “Gatti di altri tempi”, proponendo una miriade di gatti cartacei dai primi anni ’10 agli anni ’80 del secolo passato. La “Giornata internazionale del gatto“, giornata per celebrare uno degli animali domestici più comuni e antichi dell’uomo, animali persino venerati come dei, non sorprende quindi che i gatti siano indipendenti, curiosi, avventurosi, scaltri, ruffiani…

Ma quanti sono i gatti nel fumetto? Tanti? No, molto di più! Infatti nella mostra “Gatti di altri tempi” si possono vedere Silvestro, Felix, Garfield, Tom & Jerry, ma anche i primissimi come Krazy Kat, del 1913, Felix o Mio Mao, del 1917, e poi gatti degli anni ’30, ’50, ’60 e ’70 come il satirico Fritz the Cat, gli Aristogatti e ancora, Autogatto, Trottolino, Miciolino, Micetto, Gattolino, Top Cat, Nicotina, Miao, Geremia, Mooch, Joe Felix, Birba, Gatto Matto, Ottag, Malachia, e degli anni ’80 Grattachecca, Cagliostro con molti, molti altri ancora. Ovviamente non vanno dimenticati i personaggi umani che si ricollegano al felino, come La Gatta, Catwoman, Il Gatto nemico dell’Uomo Ragno, Catman, insomma la lista si allunga, e per ultimi, ma non di minor interesse, i cattivi “gatti” di Maus.

Alcune date “gattose”: 1348, The Cat Death, con l’idea che i gatti fossero la fonte della peste, la Morte Nera, in tutta Europa furono uccisi e migliaia; 1963, Felicette Astrocat, il gatto Felicette, il 18 ottobre, fu il primo gatto ad essere inviato nello spazio; 2002, l’International Cat Day, l’International Fund Animal Welfare crea per l’8 agosto la ricorrenza annuale; 2004, The Old Cat, gli archeologi francesi scoprono a Cipro una tomba di gatto di 9.500 anni. La Fumettoteca Regionale, come l’anno passato, propone per tutti gli amanti dei gatti e/o dei fumetti, il “International Cat Day”, un momento specifico da dedicare agli amici felini, anche solamente leggendoli. Grazie alla “Giornata Mondiale del Gatto”, nel nostro contesto in veste fumettistica, si propone sotto un’altra luce questi pelosi personaggi e, forse, proprio leggendone le storie con protagonisti i simpatici felini, qualcuno si potrà ritrovare stimolati a poterne averne uno reale.

Tanti gatti fumettati, anzi, troppi e prende forma l’idea per attivarsi alla realizzazione di una “Gattoteca – biblioteca dei gatti cartacei”, con già in sede molti documenti per poterla riempire! Ogni occasione è buona per ricordarci la loro importanza e, perché no, della loro simpatia e la “Gattoteca” potrà essere utile a questo scopo, oltre a far riscoprire le relazioni sociali e ritrovare il piacere di stare insieme, comunicare e confrontarsi anche solo per leggere o parlare di fumetti, o gatti di fumetto. In questa prima fase di ripartenza, l’attività mirata permetterà alla Fumettoteca Regionale Alessandro Callegati “Calle” di non perdere la sua funzione essenziale del prestito fumettotecario. Un momento questo, grazie anche alla costante ed immancabile collaborazione da parte del Comitato di Quartiere Ca’Ossi e 4live, per scoprire e riscoprire la sempre più attiva e dinamica “Biblioteca dei fumetti”, unico punto di riferimento per tutta la Regione Emilia Romagna. Per informazioni dettagliate sulle iniziative 339 3085390, fumettoteca@fanzineitaliane.it www.fanzineitaliane.it/Fumettoteca.

CONDIVIDI
Articolo precedenteConfagricoltura: «Si attende una vendemmia buona»
Articolo successivoIn servizio sei nuovi agenti 'stagionali' di polizia locale
Esperto e attento ricercatore dei linguaggi giovanili, in particolare modo il linguaggio veicolato dalla produzione dell'editoria indipendente giovanile, con alle spalle studi di Tecnico Operatore Sociale è da oltre un decennio impegnato nella ricerca, studio e lavoro inerente alla produzione dell'editoria fanzinara nazionale. Filologo e storico delle fanzine italiane è autore di varie pubblicazioni e numerosi articoli, saggi, cronologie e bibliografie diffuse su periodici ufficiali ed amatoriali, riviste specializzate e webzine, un operato che testimonia il suo interesse per lo studio, la ricerca e la documentazione relativa all'universo, agli autori e alla produzione fanzinara. A questi prodotti amatoriali realizzati dal 1977 al 1997 ha dato alle stampe il primo, e finora unico, lavoro di catalogazione pubblicato in Italia. Coordinatore e organizzatore, nonché docente, di Workshop, Corsi, Seminari rivolti al mondo dell’editoria fanzinara italiana, svoltisi con successo in varie città, eventi che hanno sempre riscosso notevole interesse da parte dei partecipanti.