Centro della Speranza in Kenia

«Completata la costruzione della cucina e della sala da pranzo nel Centro di riabilitazione che, negli ’70, fu aperto da Annalena Tonelli e dalle sue compagne, all’interno di quel compound che Annalena scelse di intitolare “Walaal Faraxan” (Fraternità della gioia). In questo momento, a causa della pandemia, le scuole del Kenya sono state chiuse fino al 2021, quindi mancano solo i bambini ad occuparlo. Ma già intravediamo segni di speranza e, speriamo presto, ripartirà la parte di assistenza alla popolazione.

Il Centro è gestito, in questi anni, dalle Suore Camilliane.Suor Jenipher, ci ha inviato le immagini e scrive: “A nome delle suore qui nella comunità e dei bambini, dei loro genitori e tutori, desidero ancora una volta cogliere questa opportunità ed esprimere la nostra sincera gratitudine per la vostra generosa donazione per il completamento della cucina e della sala da pranzo. Questo ci consentirà di avere un ambiente pulito e spazioso per la preparazione, la cottura e la distribuzione degli alimenti”.

Ringraziamo gli amici che hanno condiviso con noi il viaggio di novembre 2019; come noi sentono la necessità di progetti e speranze per questo popolo: l’associazione VolontariA, la cooperativa Paolo Babini, l’associazione Paolo Babini e la diocesi di Forlì-Bertinoro».

Comitato per la lotta contro la fame nel mondo