Fanzinoteca d'Italia

La Fanzinoteca d’Italia 0.2, come consuetudine, sotto il sole e il caldo cocente dell’estate cittadina, per il decimo anno consecutivo promuove l’immancabile “Ghiacciolata Fanzinara“, con freschi ghiaccioli e rinfrescanti fanzine. A seguito del successo riscontrato nelle precedenti edizioni, anche nella stagione estiva targata 2020, propone l’evento per donare refrigerio ai cittadini restati in città, nell’ultima settimana d’agosto, con apertura al pubblico su richiesta. Per tutti gli interessati si potrà percepire, come nelle precedenti proposte, riscontrando un sapore più appassionato, intenso e rinfrescante, dato che i visitatori riceveranno in omaggio ghiaccioli, allo scopo di rinfrescare il corpo, e fanzine per non dimenticare di rinfrescare la mente. Concedendo al pubblico una pausa di sapore gustoso, grazie alla lettura e consultazione delle fanzine, l’unica “Biblioteca delle fanzine” in Italia offrirà, contro il caldo torrido di questi giorni, un ghiacciolo dissetante e, contro il caldo afoso delle consuete e ripetitive letture, in omaggio una fanzine, appagante per refrigerio della mente. Ingresso su richiesta e per il pubblico omaggio ghiacciolo+fanzine, fino ad esaurimento.

Rimasta sempre aperta anche per le vacanze estive, la Fanzinoteca d’Italia 0.2, la biblioteca aperta anche quando le altre sono chiuse, prosegue con le iniziative/eventi/manifestazioni socio-culturali che da 10 anni instancabilmente promuove per la città dio Forlì e tutta l’Italia. Metafora socio-culturale, la “Ghiacciolata Fanzinara” è sempre stata molto gradita dagli intenditori ma, di certo, anche ben accettata da tutte le persone accaldate, disposte a gustare un ghiacciolo e rinfrescarsi, in questa caldissima estate, periodo ottimo anche per leggere e “gustarsi” delle sane e culturalmente “fresche” fanzine. Grazie all’unico fanzinotecario nazionale, Gianluca Umiliacchi, e alla sua conoscenza e professionalità esclusiva nel campo, si formano consigli per un’estate di lettura “diversa”, più viva dalle solite e ripetitive letture, per avvicinarvi a qualcosa di innovativo e più originale come solo le fanzine sanno essere.

CONDIVIDI
Articolo precedentePompignoli: «A Premilcuore un'Amministrazione finalmente effervescente»
Articolo successivoMorrone: «La riflessione di Monti per il rilancio del centro storico è da prendere in considerazione»
Esperto e attento ricercatore dei linguaggi giovanili, in particolare modo il linguaggio veicolato dalla produzione dell'editoria indipendente giovanile, con alle spalle studi di Tecnico Operatore Sociale è da oltre un decennio impegnato nella ricerca, studio e lavoro inerente alla produzione dell'editoria fanzinara nazionale. Filologo e storico delle fanzine italiane è autore di varie pubblicazioni e numerosi articoli, saggi, cronologie e bibliografie diffuse su periodici ufficiali ed amatoriali, riviste specializzate e webzine, un operato che testimonia il suo interesse per lo studio, la ricerca e la documentazione relativa all'universo, agli autori e alla produzione fanzinara. A questi prodotti amatoriali realizzati dal 1977 al 1997 ha dato alle stampe il primo, e finora unico, lavoro di catalogazione pubblicato in Italia. Coordinatore e organizzatore, nonché docente, di Workshop, Corsi, Seminari rivolti al mondo dell’editoria fanzinara italiana, svoltisi con successo in varie città, eventi che hanno sempre riscosso notevole interesse da parte dei partecipanti.