Softball-Forli

L’ordine di lockdown, di chiusura, era arrivato a marzo. Per tutti o quasi gli altri tornei sportivi ha significato la fine anticipata della stagione agonistica; ma il “batti e corri”, sebbene colto in procinto di iniziare il campionato, prova in qualche modo a uscirne fuori. E così il Softball Forlì riesce finalmente a scendere in campo: sabato 11 luglio, sul diamante di Pianoro, la squadra di romagnola fa il suo debutto nel campionato di A1 edizione 2020.

La partita sarà trasmessa su FibsTV, canale streaming della Federazione. In un frangente in cui al pubblico sarà vietato assistere di persona alle partite, il governo del “batti e corri” si è assunto il meritevole impegno di far trasmettere un match a settimana. Per parte sua, il Softball Forlì trasmetterà in streaming le partite casalinghe sul proprio canale YouTube.
Ma non è tutto pessimismo. La Poderi dal Nespoli si conferma sponsor per il quinto anno, e questa sì è una notizia incoraggiante: l’azienda romagnola mostra coraggio e passione nel momento più difficile per questo sport, per tutto lo sport in generale.

Più che positivo anche il fatto che torna integralmente il gruppo italiano della stagione scorsa. La pedana sarà affidata a Cacciamani, Carlotta Onofri e Banchelli, mentre dietro al piatto a riceverle toccherà a Piancastelli e Maroni. Le altre confermate sono Cerioni, Ghilardi, Grifagno, Laghi, Veronica Onofri, Ricchi. Di straniere non se ne parla: in serie A1 saranno comunque poche, da come si evolverà la pandemia dipende un eventuale cambio di strategia. Però le giocatrici sono contate, e così via libera all’inserimento in prima squadra di alcune atlete già in forza alle squadre di categoria giovanile Under15 e Under18.

La novità grossa è in panchina. Il proverbiale “settimo anno” di matrimonio è stato anche l’ultimo fra il manager cubano Calixto Soça e il Softball Forlì. Dopo la separazione il caraibico si è accasato proprio a Pianoro, mentre la guida delle romagnole è stata affidata a Giulio Brusa, che lavora con Forlì dal 1998 e che durante questo passato per un paio di volte è già stato capo allenatore, prima nel 2000 e poi nel 2008: ha vinto una Coppa Coppe, una Coppa Italia, uno scudetto e un premio come miglior manager della A1.

Collaboreranno con lui due tecnici di sicuro valore. E anche di esperienza, nel caso di Paola Marfoglia, che è stata a lungo giocatrice di Rimini e della Nazionale, e poi manager in varie piazze di serie A1; attualmente ha l’incarico di coach nell’Italia Under18. L’altra novità dello staff è Loredana Auletta, che per i più giovani è “solo” la mamma di Erika Piancastelli, ma che i tifosi con qualche capello bianco ricordano con la maglia di Forlì nel periodo 1998-2001; rientrata in Italia dagli Stati Uniti dopo vent’anni, inizia il suo percorso di tecnico con la squadra con cui aveva chiuso la carriera giocatrice.