La doppia contrazione

0

Dalla Grande Crisi del 2008 l’Italia è uscita economicamente indebolita rispetto alle consorelle europee (e non solo alla Germania). Ora le prospettive per il 2021 segnalano un ulteriore rimpicciolimento del nostro peso produttivo a seguito della crisi epidemica, in proporzione più accentuato se confrontato con i nostri partners, anche loro colpiti dal Covid.

Una doppia contrazione in poco più di un decennio può davvero segnare l’inizio di un periodo complicato. Tutte le classi dirigenti, dai livelli locali a quelli nazionali, dovrebbero perciò avere ben chiara almeno l’agenda delle priorità, se non le possibili proposte. Ma così non è: fra le narrative spacciate nel paese, quella del suo evidente declino resta un tabù inaffrontabile. E il ceto intellettuale, in questa fuga dalla responsabilità, mostra quotidianamente la sua debolezza.

CONDIVIDI
Articolo precedenteLa Forlì del Primo Novecento e le passioni dei forlivesi: la lirica, la bicicletta, il volo
Articolo successivoA 28 anni dalla strage di via D’Amelio
Roberto Balzani, nato a Forlì il 21 agosto 1961, è uno storico, saggista e politico italiano. È professore ordinario di storia contemporanea alla Facoltà di Conservazione dei Beni Culturali, Università degli Studi di Bologna. È stato sindaco di Forlì, dal 2009 al 2014 è professore ordinario di Storia contemporanea alla Facoltà di Conservazione dei beni culturali dell'Università di Bologna (sede di Ravenna), della quale è stato preside fra il 2008 e il 2009. Ricercatore in Storia contemporanea alla Facoltà di Scienze Politiche “Cesare Alfieri” di Firenze dal 1992, è divenuto poi professore associato alla Facoltà di Conservazione dei beni culturali dell’Università di Bologna e quindi professore ordinario. Fra i suoi interessi più recenti, la storia del regionalismo e del patrimonio culturale, cui ha dedicato diversi saggi, collaborando alle iniziative promosse alla Scuola Normale Superiore di Pisa da Salvatore Settis. Fra il 1992 e il 1996 ha fatto parte del consiglio d’amministrazione della Fondazione “Spadolini – Nuova Antologia” di Firenze. E’ stato a lungo componente del consiglio direttivo della Società di Studi Romagnoli, dell’Istituzione Biblioteca Malatestiana di Cesena e dell’Ibc Emilia-Romagna. Fra le principali pubblicazioni da menzionare la ricostruzione del regionalismo culturale romagnolo fra ‘800 e ‘900 (La Romagna, Bologna, 2001, ristampata con un nuovo capitolo nel 2012); inoltre, la sintesi Storia del mondo contemporaneo, Milano, 2003 (con Alberto De Bernardi), la ricerca di storia dei beni culturali Per le antichità e le belle arti. La legge n. 364 del 20 giugno 1909 e l’Italia giolittiana (Bologna, 2003) e la cura dei Discorsi parlamentari di Carducci (Bologna, 2004). Con Angelo Varni è curatore de La Romagna nel Risorgimento (Roma-Bari, 2012). Alla sua esperienza di amministratore è dedicato il pamphlet: "Cinque anni di solitudine. Memorie inutili di un sindaco" (Bologna, 2012). E’ autore di diversi manuali di storia per le Scuole medie e i Licei.