Inaugurazione-Gencom

È stato il sindaco di Forlì, Gian Luca Zattini, a tagliare il nastro questa mattina alle 10,30 della nuova sede di Gencom, società di consulenza e servizi professionali in ambito ICT (tecnologie dell’informazione e della comunicazione), in viale Spadolini, 27.
Uno spazio che vogliamo sia aperto alla comunità – ha sottolineato l’amministratore delegato e fondatore della società forlivese Davide Fiumi, affiancato dal Ceo di GenData Emanuele Ciani, introducendo l’avveniristica realtà allestita all’interno della palazzina adiacente la stazione ferroviaria -. Siamo convinti che la tecnologia possa diventare un vero e proprio alleato delle persone e delle aziende”.

In un momento difficile come questo è importante che ci siano aziende e privati con tanta di ripartire – gli ha fatto eco il sindaco Gian Luca Zattini, che ha tagliato il nastro insieme a Fiumi accompagnato dall’assessore al bilancio Vittorio Cicognani -. Qui c’è tutto per far bene e mi fa piacere rimarcare anche la vocazione sociale di Gencom valorizzata dalla collaborazione con il mondo del volontariato”. Tra i partner strategici di Gencom spicca Cisco, multinazionale specializzata nella fornitura di apparati di networking, la cui tecnologia di ultima generazione è stata adottata dalla società forlivese soprattutto per le soluzioni di videoconferenze e ausili al lavoro di gruppo, proponendo esperienze che si avvicinano moltissimo a quelle in presenza, elemento fondamentale in un momento storico in cui tutti – privati e aziende – stanno chiedendo soluzioni efficaci per far fronte alle necessità dettate dall’emergenza sanitaria causata dal Coronavirus. Non solo. Clienti, fornitori e collaboratori, all’interno della sede di viale Spadolini, sono calati in una realtà che ha come primo obiettivo quello di facilitare al massimo il lavoro condiviso, in ambienti accoglienti e moderni che mettono, però, al primo posto il fattore umano.

Disponibilità e capacità di ascolto all’interno della nostra squadra e verso l’esterno, nei confronti di clienti e fornitori – ha ribadito Fiumi – sono sempre state le caratteristiche fondanti della nostra avventura imprenditoriale. E lo saranno a maggior ragione in futuro”.
In sintonia con questa filosofia aziendale si cala il progetto dell’Academy. Sempre all’interno della palazzina troverà spazio, infatti, un polo formativo unico a livello europeo che vedrà affiancati Gencom e CavaRei, l’impresa sociale che ha lanciato un nuovo modo di gestire servizi per la disabilità, alla quale la società di Fiumi ha dato il supporto fondamentale per la creazione dell’officina digitale per i ragazzi disabili. Quest’ultima si trasferirà dal quartiere Cava nell’edificio di viale Spadolini, dove saranno proposti a beneficio di tutti i giovani anche laboratori e corsi di formazione per valorizzare le competenze trasversali (“soft skill”) da spendere nel mondo del lavoro; un laboratorio per favorire l’alfabetizzazione digitale della popolazione anziana, di quella svantaggiata e degli studenti di ogni grado, con particolare attenzione per i corsi dedicati alla sicurezza informatica indirizzati proprio alle generazioni più a rischio sul fronte dei “cyber crimini”.

Gencom, è stata fondata a Forlì il 6 luglio 2001 da Davide Fiumi, amministratore delegato, con un primo nucleo di 7 persone cresciuto nel corso degli anni fino agli attuali 40 collaboratori. L’acronimo dell’azienda mette insieme le parole Genoma e Communications.
La società si occupa di cambiamento e innovazione digitale trasformando le esigenze del cliente in tecnologia aiutando le imprese a scegliere e a dotarsi delle tecnologie per diventare più efficaci ed efficienti e migliorare i processi aziendali. Nel maggio del 2019 l’ingresso in Var Group – leader italiano nel settore dell’innovazione digitale, con oltre 2.500 collaborati e decine di sedi in Italia e all’estero, rappresentato oggi dal Ceo Francesca Moriani e da Mirko Gatto, Ceo Yarix and Head of Digital Security Division Var Group – attraverso la controllata Yarix di Montebelluna (Treviso), specializzata in cybersecurity. All’interno di Gencom sette anni fa ha visto la luce GenData – la cui sede è sempre in viale Spadolini – che si occupa della digitalizzazione dei processi aziendali e che, cresciuta parallelamente alla “casa madre”, ha raggiunto una propria autonomia sotto la guida di Ciani.