Dardi: «Quel 9 luglio del 1853»

0

La banda del Passatore è entrata nella storia della Romagna e il profilo del Passatore, rappresentato col fucile e la capparella, è stato a lungo portato come simbolo della Romagna. Mi ha sorpreso trovare lungo uno dei sentieri della tenuta Montebello a Modigliana, nel percorso che va verso S.Valentino, la lapide che ricorda il luogo dove 167 anni fa, venne ucciso il 9 luglio del 1853, Antonio Ravaioli, detto il Calabrese, uno dei componenti della banda” ricorda Jader Dardi sindaco di Modigliana.

Di fronte al cippo mi sono soffermato e mi sono sentito di ringraziare chi ha pensato bene di realizzare questa testimonianza che ricorda un fatto tragico che però si lega in modo così profondo con la storia della Romagna e dei romagnoli. Mi pare che oggi si possa affermare, senza timore di essere smentiti, che la Romagna e l’appennino romagnolo sono un luogo accogliente e sicuro in cui vivere e potere trascorre le proprie vacanze. È anche con l’obiettivo di promuovere il nostro territorio che abbiamo sostenuto in collaborazione col comune di Tredozio la pubblicazione della cartina della Val Tramazzo con indicati gli agriturismi e i luoghi di accoglienza del nostro territorio” conclude Dardi.